ID Scheda: 6057

Giuseppe Andriolo

Data di Nascita

1916

Data di Morte

2011

Sesso

M

Luogo di Nascita

Palermo

Livello di scolarizzazione

Laurea

Mestiere/Professione

(Pensionato)

Diario di prigionia

Abstract

Due anni di vita rubata all'Ufficiale Andriolo, classe 1916, tra campi di prigionia siciliani e africani, alla mercé di irrispettosi francesi, alleati e sottoposti italiani. Due anni di vita raccontati a preziosi e minuscoli fogliettini, custodi delle pene d'amore per la cantante Gilda, prima appassionata fidanzata poi frivola compagnia durante gli intrattenimenti delle truppe. Giornate passate nell'inedia fisica e psichica, ora ad allestire spettacoli, ora a redigere ironici giornaletti o a cercare di studiare per gli insperati esami universitari tra fame, caldo torrido e freddo incredibile, oltre a pidocchi e sporcizia, umilazioni e angherie. Il tutto finisce nel luglio 1945, giorno della tanto agognata riammissione in Patria.

Tipologia testuale

Diario

Consistenza

pp. 246

Circostanze di produzione

Seconda guerra mondiale

Natura del testo in sede

Dattiloscritto: 2

Tempo della scrittura

1943 -1945

Estremi cronologici

1943 -1945

Provenienza geografica

Palermo

Informazioni bibliografiche dei testi presenti in sede

In: "La guerra è finita"/Giuseppe Andriolo - in "Primapersona" n. 29, marzo 2015, pag.24

Anno

2010

Collocazione

DG/10