ID Scheda: 6126

Dario Poppi

Data di Nascita

1903

Data di Morte

1992

Sesso

M

Luogo di Nascita

Faenza RA

300 giorni sul Monte Gialo

Abstract

L'esperienza africana di un ceramista faentino nelle pagine di un diario pittoresco e avventuroso. Anno 1941, Monte Gialo, Etiopia: Dario è l'intrepido direttore di una segheria legata all'impero. Scanzonato guaritore di piaghe croniche e fautore di "bombe autarchiche", vive la disfatta, la distruzione del tricolore e l'insediamento nel paese degli inglesi. Nonostante ciò decide di rimanere, anche solo per presidiare la segheria, i cari macchinari, le preziose lamiere il poco legname rimasto... Nel 1942 viene portato dagli inglesi nel campo di concentramento di Mandera in Somalia. Da uomo libero, ritorna alla vita civile nel mondo del teatro di prosa e del varietà con il nome di Pippo Doria. Poi, abbandonate le scene, l'impegno nella produzione della ceramica, incaricato, dal Ministro dell'industria e del commercio dell'Etiopia per conto dell'imperatore Hailè Selassiè.

Tipologia testuale

Diario

Consistenza

pp. 63

Circostanze di produzione

Per scopi personali

Natura del testo in sede

Dattiloscritto: 6
Fotografie

Estremi cronologici

1941 -1945

Provenienza geografica

Ravenna/provincia

Informazioni bibliografiche dei testi presenti in sede

"Fucili a salve"/Dario Poppi. Milano: Terre di mezzo Editore, 2013.In: "L'alfabeto della guerra"/Dario Poppi - in "Primapersona" n. 28, marzo 2014, pag.117-118. In "La vita è un sogno"/Dario Poppi - Milano: Il Saggiatore 2016, pag.377, 477.

Anno

2010

Collocazione

DG/10