Hai selezionato l' Evento straordinario
Risultati ricerca: 9

Emilia

Anna Perrini

L'adolescenza,l'educazione sentimentale e gli anni delle lotte politiche del dopoguerra nella memoria di una ragazza ebrea, venute in città dalla provincia che ha vissuto anche la discriminazione, da parte di compagni di scuola alto-borghesi, nella Torino degli anni cinquanta e sessanta.
Estremi cronologici
1948 -1960
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1980-1989
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 5
Consistenza
pp. 113
Collocazione
MP/85

Nulla dies sine linea

Viklinda Pacchielli

L'immediato dopoguerra nelle annotazioni di una giovane sposa innamorata del marito lontano per lavoro e costretta, già allora, a combattere contro la crisi degli alloggi. Fa da sfondo il mutamento politico e istituzionale del Paese, con il referendum fra monarchia e repubblica e le elezioni del '46 e '48.
Estremi cronologici
1946 -1948
Tempo della scrittura
1946 -1948
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 58
Collocazione
DP/95

Dio

Maricilla Piovanelli

L'educazione della figlioccia nel diario scritto appositamente per lei da una scrittrice notissima al pubblico dei lettori cattolici degli anni a cavallo della seconda guerra mondiale. Domande su Dio, sul Papa, sulla religione, sulla politica.
Estremi cronologici
1941 -1950
Tempo della scrittura
1941 -1950
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 63
Collocazione
DP/95

Diario

Ottavio Batistoni

Ogni anno un calzolaio fa il bilancio della sua attività, racconta le novità di casa, prova a far quadrare i conti. Un affresco famigliare schietto e popolare con al centro il paese: la bottega, il ponte saltato, l'orto e l'arrivo del postale - mezzo secolo prima e dopo le due guerre.
Estremi cronologici
1896 -1954
Tempo della scrittura
1896 -1954
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
cronaca
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Dattiloscritto: 4
Consistenza
pp. 106
Collocazione
MP/96

Anni ruggenti... e squittenti

Carlo Alberto Bettega

L'autore, nato nel 1927, in pieno regime fascista, sottolinea ironicamente gli aspetti negativi di quel periodo. Vive i disagi della guerra, pur non prendendovi parte attiva. Laureatosi in ingegneria nel 1951, trova impiego a Milano in un'industria di bruciatori per il metano e per lavoro dovrà viaggiare molto, in Italia e all'estero, in particolare in Oriente.
Estremi cronologici
1935 -1985
Tempo della scrittura
1999 -2000
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotografie
Consistenza
pp. 209
Collocazione
MP/02

Dalla sella al palcoscenico

Carlo Calligaris

L'autore, classe '35, alla fine delle elementari lascia la scuola e lavora nell'officina di biciclette del padre. Nel dopoguerra aderisce all'Azione Cattolica, decide di lasciare il lavoro e di riprendere i suoi studi. Per sette anni rimane in seminario, uscendo per iscriversi all'Università. Dopo la laurea si dedica all'insegnamento di lettere, per andare in pensione nel 1997.
Estremi cronologici
1935 -2012
Tempo della scrittura
2010 -2012
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 29
Collocazione
MP/13

Sugli ultimi gradini, come testimonianza

Giuseppe Fioravante Giannoni

L'autore nasce a Signa (Fi) da una famiglia di operai. A sei anni viene affidato ad uno zio paterno che non ha figli, trasferito per lavoro in Calabria. questo "strappo" dalle radici lo segna per tutta la vita. Gli zii tornati in Toscana lo fanno studiare fino alla laurea in Medicina. Si sposa con una giovane maestra e dal loro matrimonio nascono quattro figli. Si specializza in psichiatria negli anni della legge Basaglia, dirigendo con successo vari istituti alternativi al manicomio. La morte prematura dell'amata moglie e vari problemi in ambito lavorativo lo costringono alla pensione. Tra gli episodi raccontati alcuni legati alla scuola di Barbiana e Don M...
Estremi cronologici
1928 -2012
Tempo della scrittura
1998 -2012
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
119 p.
Collocazione
MP/15

Tra le pieghe dei miei ricordi...

Giuseppe Di Santo

Un bracciante agricolo abruzzese, militare durante la Seconda guerra mondiale, viene fatto prigioniero dopo l'8 settembre 1943 e internato nei campi del Reich. Ammalatosi di TBC, inizia per lui un lungo calvario medico, che non si arresta dopo il suo ritorno a casa al termine del conflitto.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1925-1930
Fine: 2009
Tempo della scrittura
2009 -2009
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
83 p.
Collocazione
MP/Adn2

Il giornalino di Beppino

Giuseppe Lenzi

Nei primi anni del dopoguerra, un ragazzino senese tiene un diario nel quale annota la sua vita quotidiana. La scuola, lo sport, le vacanze estive e i divertimenti sono gli argomenti principali del suo "giornalino".
Estremi cronologici
1947 -1948
Tempo della scrittura
1947 -1948
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Fotocopia originale: 2
Allegati
Consistenza
78 p.
Collocazione
DP/19