Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 26

Una storia senza storia

Helle Busacca

Un noto scrittore-regista, sposato e con figli, e una giovane poetessa, emancipata e indipendente, si innamorano a prima vista. Si incontreranno e lasceranno più volte fino a quando, finalmente decisi a vivere il loro amore, dovranno rinunciare a causa dei problemi di salute di lui.
Estremi cronologici
1940 -1964
Tempo della scrittura
1989
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 175
Collocazione
MP/Adn

La mia vita

Primo Giusti

Colpito da un male incurabile, un ferroviere in pensione ripercorre le tappe principali della sua vita: dalla militanza nel Partito fascista all'arruolamento in marina e alla successiva prigionia in India, dalla celebrazione di tre matrimoni alla prematura scomparsa dell'unico figlio.
Estremi cronologici
1909 -1984
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1980-1989
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 32
Collocazione
MP/Adn

[...] Carissima Luisina

famiglia Avunti

Corrispondenza fra la madre Emma e le due figlie: la prima, sposata di nascosto, incontra molte traversie famigliari; la seconda, la prediletta, dialoga apertamente con la madre, consigliandosi con lei su tutte le vicende quotidiane.
Estremi cronologici
1903 -1929
Tempo della scrittura
1903 -1929
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Formato Digitale: 1
Dattiloscritto: 1
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 234
Collocazione
E/93

Frammenti di ricordi

Ignazio Maselli

L'infanzia trascorsa in una famiglia antifascista durante il Ventennio. Racconta gli eccessi del regime fino allo scoppio della guerra che altera tutti gli equilibri di un tranquillo vivere di provincia. Questi i ricordi di un maestro elementare innamorato della sua terra, la Calabria.
Estremi cronologici
1925 -1955
Tempo della scrittura
1988
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 131
Collocazione
MP/89

Il ritorno

Claudio D'Ambrosio

I disagi famigliari e la morte del padre costringono un giovane impiegato statale napoletano a spostarsi nel grigio settentrione novarese e poi in Abruzzo, dove si sposa. Un nuovo spostamento durante la guerra lo porta in Sardegna, prima del definitivo ritorno con la moglie a Casoli.
Estremi cronologici
1937 -1945
Tempo della scrittura
1985 -1987
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 247
Collocazione
MG/94

Io e i miei dodici fratelli

Alba Nocentini

La morte del padre offre l'occasione per questa memoria d'infanzia della secondogenita di una famiglia di tredici figli, che ha aiutato la madre a crescere i fratelli più piccoli.
Estremi cronologici
1935 -1980
Tempo della scrittura
1993
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 36
Collocazione
MP/95

[..] Caro diario

Santina Armini

Il collegio come momento di passaggio dalla fanciullezza all'adolescenza: amori, piccole depressioni, dubbi vissuti all'ombra dell'esperienza scolastica e timidamente confessati al diario.
Estremi cronologici
1960 -1961
Tempo della scrittura
1960 -1961
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 58
Collocazione
DP/95

Nulla dies sine linea

Viklinda Pacchielli

L'immediato dopoguerra nelle annotazioni di una giovane sposa innamorata del marito lontano per lavoro e costretta, già allora, a combattere contro la crisi degli alloggi. Fa da sfondo il mutamento politico e istituzionale del Paese, con il referendum fra monarchia e repubblica e le elezioni del '46 e '48.
Estremi cronologici
1946 -1948
Tempo della scrittura
1946 -1948
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 58
Collocazione
DP/95

Ricordi di guerra

Santa Gallorini

Una donna nubile, sempre vissuta in famiglia con i genitori, nutrendosi di religione e di fobie ossessive, racconta l'ultimo anno di guerra, il traffico di soldati in ritirata, i sospetti della gente e il proprio odio per il popolo che festeggia la liberazione.
Estremi cronologici
1944 -1945
Tempo della scrittura
1944 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Allegati
Consistenza
pp. 83
Collocazione
DG/96

Le confessioni di un nonagenario del Novecento

Giulio Bianchi Bandinelli

Tutto un secolo in questa memoria che parte dall'infanzia dell'autore e dalla sua esperienza scolastica a Castiglion Fiorentino e Varese, per passare alla Milano del fascismo montante e tornare a Livorno dove si sposerà e avrà tre figli prima di andare in guerra.
Estremi cronologici
1904 -1995
Tempo della scrittura
1990 -1995
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 259
Collocazione
MP/97