Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 13

Appunti per un diario di otto giorni di guerra

Gloria Chilanti

Una dodicenne in fuga dalla Sicilia, dove era stata confinata la sua famiglia. Il rocambolesco viaggio per raggiungere Roma, sotto i duplici bombordamenti di tedeschi e alleati.
Estremi cronologici
1943
Tempo della scrittura
1943
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
ricordi
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 5
Collocazione
DG/T

Ricordi del tempo di guerra

Giuseppe Beritelli

Da Udine alla Croazia, da Vibo Valentia a Messina: incontri e scontri umani sotto i bombardamenti.
Estremi cronologici
1941 -1943
Tempo della scrittura
1985
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
racconti
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 20
Collocazione
MG/91

Piccione di forca

Luigi Procopio

Un ragazzo di famiglia borghese viene avviato al seminario per conseguire il diploma. Tornato al secolo, lotterà sempre contro le ingiustizie e, grazie ai suoi studi, riuscirà a diventare direttore didattico, a farsi una famiglia e a pubblicare un romanzo per omaggiare la memoria della moglie.
Estremi cronologici
1912 -1988
Tempo della scrittura
1988
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 90
Collocazione
MP/89

Ricordi di guerra

Gesuino Virdis

Paracadutista, addestrato in un campo inglese attraverso un corso speciale, collabora con gli inglesi dell'intelligence corps in missioni di spionaggio militare ad alto rischio, di cui dà informazioni anche al Cln. Quando viene arrestato, giunge provvidenziale il 25 aprile con la liberazione.
Estremi cronologici
1940 -1945
Tempo della scrittura
1945
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 39
Collocazione
MG/95

Dall'altra parte

Antonino Caserta

Tutta la vocazione sociale e culturale di un giovane di azione cattolica che fin dall'infanzia si è sentito votato a ruoli eccezionali e poi, come prigioniero di guerra in Africa Settentrionale, ha cominciato a svolgere compiti di assistenza didattica e di scrittura che lo porteranno al giornalismo.
Estremi cronologici
1925 -1948
Tempo della scrittura
1988 -1989
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 227
Collocazione
MP/97

Il diario della mia vita

Primo Brugnoli

Mezzo secolo di storia attraverso le vicende di un autodidatta emiliano che si è fatto da sè: dalle origini povere alla lotta per emanciparsi tramite lo studio, fino alla conquista del meritato benessere. A cinquantacinque anni si diploma ingegnere all'Istituto superiore di Friburgo: il figlio di dieci anni, dal buco della serratura, segue orgoglioso la discussione d'esame.
Estremi cronologici
1895 -1950
Tempo della scrittura
1950 -1953
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotografie
Consistenza
pp. 38
Collocazione
MP/99

Cose dei Nicolini

Camilla Nicolini

Un'anziana signora rievoca i momenti più significativi della sua vita: la famiglia d'origine, i luoghi dove trascorre infanzia e adolescenza, gli usi e i costumi della gente della Calabria, la scuola, il matrimonio e le gioie e le preoccupazioni legate alla maternità.
Estremi cronologici
Inzio: 1916
Fine presunta: 1990-1999
Tempo della scrittura
1989 -1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
poesie-libro di ricette
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 122
Collocazione
MP/00

Tempo di raccolta

Antonino Vartuli

Un pensionato calabrese, residente in Brasile, rievoca la durezza della vita contadina che, per gli scarsi guadagni, lo spinge all'emigrazione: il matrimonio, la nuova famiglia e l'ottimismo del popolo carioca, gli permettono di superare varie difficoltà lavorative, giungendo così alla pensione.
Estremi cronologici
1946 -2001
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 84
Collocazione
MP/Adn2

Nel corso del tempo

Rino Anderlini

Dopo un'infanzia e adolescenza vissute in una famiglia indigente ma laboriosa, che lo circonda di affetto, presta servizio a Bari come aviere scelto adibito al Demanio. Sposatosi e desideroso di raggiungere agiatezza economica per se stesso e la famiglia, affianca all'impegno politico, come consigliere e assessore, la gestione di uno spaccio cooperativo.
Estremi cronologici
1919 -2001
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 105
Collocazione
MP/Adn2

Nato con la camicia

Gaetano Mario Rasola

L'autore nasce da una famiglia di origini pugliesi emigrati a Roma durante il fascismo. Qui vive durante la guerra e nel dopoguerra. Si diploma geometra e inizia a lavorare nei cantieri di grandi opere pubbliche. Nel frattempo si sposa e dopo la nascita di un figlio adotta un altro bambino. Molto attivo nel campo politico e culturale negli anni Ottanta lascia il Lazione per vivere in Toscana, a Sansepolcro (AR), dove risiede tuttora.
Estremi cronologici
1936 -2015
Tempo della scrittura
2010
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
97 p.
Collocazione
MP/17