Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 75

Nascere, vivere e lavorare in Sicilia...

Alfio Cicero

L'autore nasce in un paesino arroccato sui monti sopra Messina. Le esperienze di una vita filtrate dal senno di poi, raccontate a pensione raggiunta: in collegio dai salesiani, il militare, il matrimonio tardivo a 47 anni, la disoccupazione e i vari lavori. Autobiografia dedicata al figlio, morto diciottenne di leucemia.
Estremi cronologici
1936 -1995
Tempo della scrittura
1995 -1996
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 50
Collocazione
MP/99

Diario di una vita

Zelinda Ghisi Cicero

Zia Melina non si è mai sposata per seguire la famiglia della sorella maggiore. La nipote Zelinda, anch'essa nubile, ormai sola e anziana, ricorda la propria vita sempre accanto a questa zia. Le preferite di zia Melina erano proprio l'autrice e sua sorella Tina. La zia le seguì dalla Sicilia a Ivrea, quando emigrarono in cerca di lavoro. Quasi una biografia.
Estremi cronologici
1936 -1991
Tempo della scrittura
1994
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
biografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 88
Collocazione
MP/99

Nudo e sporco

Marcello Morante

Una carriera in magistratura e come politico raccontata in un dialogo serrato dell'autore con il proprio immaginario alter-ego su una presunta "nevrastenia sessuale" e altre vicende extra professionali, da quelle sentimentali, all'impegno come regista e autore teatrale.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1920-1929
Fine: 1987
Tempo della scrittura
1987
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 249
Collocazione
MP/99

Quel che resta d'un filo

Mariella Murisciano

Diario sotto forma di acrostici redatti da un'ex-impiegata, a partire dal settembre dell'88, data del pensionamento. Vengono commentati i fatti di cronaca nazionali e le vicende della propria famiglia, sempre attraverso il filtro di un handicap fisico che condiziona la forma di rapporto fra l'autrice - non vedente - e il mondo. Il testo è scritto in caratteri braille.
Estremi cronologici
1988 -1998
Tempo della scrittura
1988 -1998
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Allegati
Consistenza
pp. 222
Collocazione
DP/Adn

Lettere a Aldo Carella

AA.VV.

Le lettere che un giovane, dai diciannove ai trentaquattro anni, riceve dagli amici. Nel frattempo si laurea, si fidanza (è presente un carteggio con la futura moglie), si sposa e ha un figlio.
Estremi cronologici
1957 -1972
Tempo della scrittura
1957 -1972
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 2.000
Collocazione
A/Adn

Un carabiniere un uomo

Zelinda Ghisi Cicero

La biografia del padre carabiniere attraverso la propria esistenza, dalla nascita, ai trasferimenti da una città all'altra a causa del lavoro paterno, fino alla morte della madre prima e del padre poi.
Estremi cronologici
1936 -1993
Tempo della scrittura
1998 -1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
biografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 74
Collocazione
MP/00

Fontanazza

Vincenzo Rabito

L'epopea picaresca di un siciliano semianalfabeta, classe 1899, raccontata in mille fittissime pagine, con il punto e virgola a dividere ogni parola dalla successiva. Così la guerra sul Piave è spogliata di ogni retorica - cinico e disincantato, Vincenzo pensa solo a dormire e mangiare -, poi vive la povertà del Meridione, la Libia e l'Abissinia in camicia nera, fa festa per lo sbarco degli Americani, pratica la borsa nera, favorisce il banditismo, sempre destreggiandosi fra mafiosi e carabinieri, contrabbando e legalità.
Estremi cronologici
1899 -1970
Tempo della scrittura
1969 -1975
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Originale autografo: 1
Allegati
Consistenza
pp. 1027
Collocazione
MP/00

Ricordi di una famiglia e dei suoi natali

Salvatore Calanna

Un militare di carriera nell'aeronautica, ripercorre le tappe più importanti della sua vita: l'incontro con la futura moglie, la nascita dei figli, i tanti traslochi a causa del lavoro. Le difficoltà che si presentano sono superate grazie alla fede, ad una forte unione famigliare e al desiderio di inserirsi positivamente nelle comunità sociali di cui entrano a far parte.
Estremi cronologici
1968 -1995
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 139
Collocazione
MP/Adn2

Note sentimentali-note non-fuori-dentro

Rosa La Rocca

Relazioni sentimentali varie più verbali che fisiche con contorno di quotidianità.
Estremi cronologici
1997 -1999
Tempo della scrittura
1997 -1999
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Consistenza
pp.
Collocazione
DP/Adn2
Soggetti

Io e la mia vita

Francesco Mannanici

Un sessantenne ripercorre la propria vita, riflettendo su un destino non favorevole: la morte della figlia, le difficoltà lavorative, i sacrifici per costruire una casa propria e la malattia della moglie. I vani tentativi di arrivare ad una serenità economica e famigliare e la morte della madre, a lungo assistita, lo affliggono ma, contemporaneamente, lo avvicinano a Dio.
Estremi cronologici
1940 -1999
Tempo della scrittura
1998 -1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Originale autografo: 1
Trascrizione a mano: 1
Consistenza
pp. 88
Collocazione
MP/01