Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 148

Lettere dal fronte

Lino Meogrossi

Chiamato alle armi nel 1942, ancora studente, un giovane abruzzese tesse una fitta rete di corrispondenza per raccontare vicende di guerra e prigionia, dall'Algeria alla Scozia, fino al rimpatrio nel 1946.
Estremi cronologici
1942 -1946
Tempo della scrittura
1942 -1946
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 97
Collocazione
E/92

E lo chiamano cancro

Angela D'Ancona

Un medico, operata di tumore, consegna a un diario il resoconto delle complesse situazioni umane incontrate nel corso della lotta con il suo male.
Estremi cronologici
1988 -1990
Tempo della scrittura
1988 -1990
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 79
Collocazione
DP/92

Vigilia di libertà

Luigi Capecchi

Un prigioniero degli inglesi in Algeria, quando si diffonde la notizia del probabile rimpatrio, comincia ad annotare i fatti della sua ultima settimana di internamento fino al rientro in Italia.
Estremi cronologici
1945
Tempo della scrittura
1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 21
Collocazione
DG/94

Racconto dei ricordi di un ragazzo del Sud

Alfonso Timpanaro

A Fabriano, come militare sbandato, un ragazzo di Caltagirone conosce la ragazza che sarà poi sua moglie. Gli episodi minimi di una vita italiana, tra pace e guerra.
Estremi cronologici
1924 -1993
Tempo della scrittura
1993
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 26
Collocazione
MP/94

Le luci del porto

Marella Pappalardo

L'amore famigliare lega l'autobiografia di un'insegnante alla storia dei suoi genitori: siciliano il padre, umbra la madre, vissuti insieme a Trieste, poi a Roma, e morti a distanza di pochi mesi l'una dall'altro.
Estremi cronologici
1961 -1992
Tempo della scrittura
1992 -1993
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 40
Collocazione
MP/94

Lettere a mia madre

Enzo Marletta , Lina Tringali

Un ragazzo morto suicida per effetto di una vita famigliare difficile, che l'ha portato a dipendere dall'eroina, ha lasciato testimonianza della propria esistenza nelle lettere alla madre, che le ha mandate all'Archivio di Pieve, ricostruendone anche le vicende di contorno.
Estremi cronologici
1967 -1993
Tempo della scrittura
1993
Tipologia testuale
Epistolario
Tipologia secondaria
biografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 68
Collocazione
E/94

Frammenti di esperienza o esperienza in frammenti: trent'anni di fedeltà

Salvatore Massimo Musmeci

Un'esperienza trentennale di lavoro industriale in qualità di capo intermedio e quindi di testimone dell'ascesa e del declino di un'azienda famosa, a causa della corruzione e incompetenza di una classe dirigente, per lo più di estrazione extraprofessionale.
Estremi cronologici
1960 -1989
Tempo della scrittura
1990
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 171
Collocazione
MP/95
Parole chiave

I fatti veri

Isa Bartalini

Dalle campagne toscane alla Turchia, una grande storia famigliare illuminata dalla figura del padre Ezio Bartalini, fervente pacifista, che sceglie l'esilio volontario in giro per l'Europa per fuggire le persecuzioni fasciste.
Estremi cronologici
1922 -1962
Tempo della scrittura
1990 -1991
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotografie
Consistenza
pp. 429
Collocazione
MP/95

[...] Elisa si è messa a ridere

Rosa La Rocca

Un'insegnante di lingue alla soglia dei cinquanta anni tenta un bilancio della propria vita, in un anno di annotazioni diaristiche che vanno dalla morte del marito alla tormentata relazione con un altro uomo; sullo sfondo le vicende locali e nazionali delle inchieste giudiziarie legate alle tangenti.
Estremi cronologici
1993 -1994
Tempo della scrittura
1993 -1994
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 76
Collocazione
DP/95

Memorie della mia vita militare

Antonio Papadia

Volontario in Africa, ufficiale di reparto dei bersaglieri, combatte indefessamente fino alla sconfitta di El Alamein, dopodichè cadrà prigioniero degli inglesi. La stima per Rommel e l'attaccamento al tricolore lo portano ancora oggi ad attribuire alla sorte gran parte delle colpe della rovinosa sconfitta subita.
Estremi cronologici
1938 -1992
Tempo della scrittura
1992 -1993
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 127 + Appendici
Collocazione
MP/95