Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 54

Alfabeto della memoria

Gino Spadon

Un docente universitario in pensione racconta la sua infanzia, vissuta in uno stato di "povertà dignitosa". Stimolato dal nonno si appassiona alla letteratura e allo studio. La fede fascista in cui è cresciuto per educazione scolastica, si spegne lentamente durante la Seconda guerra mondiale.
Estremi cronologici
1932 -1944
Tempo della scrittura
2003 -2005
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 150
Collocazione
MP/06

House organ

Renzo Forcellini

Diario sotto forma di fumetto di un pensionato romano, ex dirigente di industria farmaceutica, appassionato di sport e di musica jazz. I disegni raccontano dettagliatamente le sue giornate, dalle telefonate alle uscite in bici, gli acquisti, le gite, i viaggi, gli incontri con familiari e amici, i pomeriggi passati a suonare il sassofono e il clarinetto, i commenti sui fatti di attualità. Con l'avanzare dell'età, emerge il tenero e profondo affetto affetto che lo lega alla moglie Luisa.
Estremi cronologici
1992 -2019
Tempo della scrittura
1992 -2019
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
1120 p.
Collocazione
DP/Adn2

Odio gli indifferenti

Paolino Orlandini

L'impegno politico-sindacale di un pensionato che, dopo la militanza partigiana, diventa dipendente statale presso il provveditorato delle opere pubbliche. Memore delle lotte per la liberazione, dedica le proprie energie alla corretta gestione del denaro pubblico, investito per la ristrutturazione di alcuni nosocomi marchigiani.
Estremi cronologici
1945 -1980
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 32
Collocazione
MP/Adn2

Frammenti epistolari reletivi alla mia corrispondenza con la mia migliore amica

Nicola Piteo

Abbandonato dalla fidanzata un giovane di Mestre scrive a un'amica per sfogare la propria amarezza: solo un nuovo amore riesce in parte a fargli superare la psicosi in cui è caduto.
Estremi cronologici
1999 -2004
Tempo della scrittura
1999 -2004
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 6
Collocazione
E/T2

Diario della mia esperienza militare

Alessandro Villa

Appunti di vita militare dell'autore, chiamato alle armi nell'ottobre 1941 e destinato alla Grecia, dove viene catturato dopo l'8 settembre 1943. Dopo il prelievo dei tedeschi inizia il sofferto viaggio che lo porterà ad attraversare tutta l'Europa, in treno o sopra carri bestiame. Il 28 ottobre arriva a Norimberga, dove rimane prigioniero fino ai primi di giugno del 1944.
Estremi cronologici
1943 -1944
Tempo della scrittura
1943 -1944
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 50
Collocazione
DG/10

Biografia di Cerceo Ana Maria

Ana Maria Cerceo

Una bambina colombiana viene adottata da una famiglia italiana. Durante i primi anni di scuola non viene accettata dai compagni: é molto esuberante e tale resterà anche da adulta. Dopo la morte della madre, il rapporto col padre si complica e lei finirà col frequentare amicizie che la porteranno ad una vita difficile, con la nascita di un figlio e l'esperienza della comunità.
Estremi cronologici
1983 -2008
Tempo della scrittura
2006 -2008
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 21
Collocazione
MP/T2

Da Oriago alle Ande - Una vita

Annamaria Romanello

Nata nel 1935 in un paese sulle rive del Brenta l'autrice fa partire i ricordi dall'infanzia, periodo in cui comincia ad apprezzare il teatro e a sviluppare la passione per il canto, che studierà per diventare mezzosoprano. Con la guerra la famiglia sfolla in campagna, un fratello entra in seminario per seguire la propria vocazione religiosa, mentre un altro viene deportato in Germania dopo l'8 settembre 1943. Finite le scuole frequenta l'Università a Padova, dove conosce Giovanni, che diventa suo marito e dal quale avrà due figli. Dopo la laurea insegna in una scuola media, mentre dopo il divorzio viene nominata Preside a Cittadella (PD). Nel corso degli a...
Estremi cronologici
1930 -2011
Tempo della scrittura
2011
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
99 pp.
Collocazione
MP/12

Nato a Fiume

Luciano Pick

L'autore nasce nel 1940 a Fiume ed è il più piccolo di cinque figli. All'età di quattro anni con la mamma e il fratello Claudio fugge per raggiungere il campo profughi di Padova, mentre il padre rimane a Fiume per seguire il processo dei due fratelli maggiori, imprigionati dai titini. Raggiungerà in un secondo momento la moglie e i due figli più piccoli, mentre i più grandi riusciranno a fuggire e a ricongiungersi tempo dopo. Inizia un periodo di disagi, privazioni e difficoltà di inserimento. Dal campo vengono trasferiti in una scuola vicino alle mura di Padova, successivamente i profughi occupano un asilo, dove ogni famiglia prenderà possesso di un'aula....
Estremi cronologici
1940 -1995
Tempo della scrittura
1996 -2012
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 317
Collocazione
MP/13

[...] Kuando sono stato nel reparto neurologico dell'ospedale civile

Mateo Kamalich

Un ex internato in un ospedale psichiatrico, uscito in seguito all'approvazione della Legge Basaglia, raccoglie i suoi ricordi e i suoi pensieri in un lungo diario: pagine dalle quali traspare una forte ossessione religiosa, ma anche un grande amore per la figlia e gli amici, un radicato attaccamento alla vita e un'ansia di pace. Durissime le pagine in cui descrive le condizioni di vita all'interno del manicomio, tra le violenze degli infermieri, la sporcizia e le discutbili terapie a cui i medici sottoponevano gli internati (tra le quali l'elettroshock).
Estremi cronologici
1977 -2004
Tempo della scrittura
1977 -2004
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Allegati
Consistenza
4999 p.
Collocazione
DP/Adn2

La valigia

Milivoje Ametovic

L'autore per non partecipare alla guerra bosniaca lascia la famiglia e nel 1994 arriva in Italia, clandestino. Vive di espedienti. Nel 1997 si sposta in Toscana a seguito di un contratto di lavoro a tempo indeterminato in un'azienda della zona. La sua famiglia gli chiede di venir via dalla guerra; nel settembre 2001 ci riesce. Lavora tanto. Nel 2009 arrivano i problemi con l'azienda a seguito d'investimenti sbagliati. Il 18 ottobre 2012 lo licenziano ma nonostante tutto continua a sperare nella fratellanza.
Estremi cronologici
1986 -2014
Tempo della scrittura
2014 -2014
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
3 p.
Collocazione
MP/T2