Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 86

Titivillo - come convivere con un linfoma cerebrale

Michele Saggese

Il diario scritto da una persona affetta da linfoma cerebrale maligno. Oltre alla descrizione dei sintomi e dei disagi causati dalla malattia, contiene spunti di riflessione su come cambia la percezione della vita agli occhi di un malato. Non manca una certa dose di ironia: l'autore dà infatti al suo male il nome di Titivillo. Un demonietto con cui è costretto, suo malgrado, a convivere.
Estremi cronologici
2008
Tempo della scrittura
2008
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
10 p.

Un vecchio carabiniere racconta se stesso

Gaetano Coccia

L'autore è nato nel 1936 in una famiglia di agricoltori, piccoli possidenti. Comincia a lavorare la terra in tenera età, poi operaio in varie imprese. Giunta la maggiore età fa domanda per entrare nel Corpo dei Carabinieri, come sogna fin da piccolo. Viene ammesso alla Scuola Allievi e dal 1955 inizia la carriera, raccontando varie esperienze e azioni di cui è orgoglioso. Nel 1996 viene congedato con il grado di Maresciallo Capo. la sua vita familiare, raccontata in parallelo, è segnata dal dolore per la perdita di un figlio di 36 anni.
Estremi cronologici
1936 -2013
Tempo della scrittura
2013
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Allegati
Consistenza
65 p.
Collocazione
MP/14

Correre per la Pace

Alberto Cantoni

Da Bolzano a Palermo a piedi, con un carretto e tante bandiere arcobaleno da vendere, durante l'autunno 2002-2003, per sensibilizzare l'opinione pubblica al tema della pacifica convivenza: per tre mesi il "pellegrino di pace" viaggia lungo la penisola attirando l'attenzione dei media e facendo accendere i riflettori sulle problematiche della globalizzazione e della nonviolenza.
Estremi cronologici
2002 -2003
Tempo della scrittura
2002 -2003
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
20 p.
Collocazione
DP/Adn2

La svolta

Melanny J. Hernandez R.

Melanny, venezuelana che studia a Dublino, arriva in Italia come turista nel 2014 e non può tornare in Irlanda a causa di un cambiamento legislativo. Deve scegliere se tornare in Venezuela o restare in Italia e opta per la seconda strada. Fa richiesta di asilo politico, svolge diversi lavori e si sposta in vari luoghi d'Italia. Nel dicembre del 2016 ottiene la protezione sussidiaria.
Estremi cronologici
2014 -2017
Tempo della scrittura
2017
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
9 p.
Collocazione
MP/T3

[...] Casa 6 febbraio 1913

Natalina Celleno

Il quaderno di scuola di una bambina di inizio Novecento, che nei temi di scuola parla anche di se stessa.
Estremi cronologici
1913 -1913
Tempo della scrittura
1913
Tipologia testuale
zibaldone
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Allegati
Consistenza
18 p.
Collocazione
A/T2
Soggetti

[...] Celleno 18 agosto 1920

Filomena Calisti , Natalina Celleno

Lettere indirizzate a una donna dalla madre e dalla sorella malata. Quando la ragazza muore, la madre scrive anche a lei un biglietto dove esprime il proprio dolore.
Estremi cronologici
1920 -1920
Tempo della scrittura
1920
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Consistenza
21 p.
Collocazione
E/T2
Soggetti

Appunti di viaggi

Fortunata Lapadula

Una donna rievoca i primi anni della sua vita, resi difficili dai tragici eventi della Seconda guerra mondiale.
Estremi cronologici
1934 -1945
Tempo della scrittura
2015 -2017
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
11 p.
Collocazione
MG/T3

Diario di un ufficiale italiano internato in Svizzera

Mario Blasi

Un ufficiale trentenne, sposato con una figlia, in servizio con la contraerea a Milano, dopo l'8 settembre 1943 rende inservibili i propri pezzi di artiglieria e con pochi compagni sfugge alla cattura da parte dei tedeschi, rifugiandosi in Svizzera. Inviato a Muerren (Alpi Bernesi) assieme ad altri ufficiali, vi resta fino al 1945, sperimentando la dolorosa vita dell'internato e privo di notizie da casa. Durante la sua assenza diventa padre: la moglie, rifugiatasi in Casentino (vallata della provincia di Arezzo), dà infatti alla luce un figlio, ma Mario ne viene a conoscenza soltanto al suo ritorno.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 1
Formato Digitale: 1
Consistenza
348 p.
Collocazione
DG/16

Incontri con i santi

Paolo D'Arpini

Insieme di ricordi e riflessioni di un uomo che rievoca le sue esperienze alla ricerca di se stesso. I viaggi in India, gli incontri con figure significative e persone che condividono il suo percorso sono gli argomenti principali della sua narrazione.
Estremi cronologici
1955 -2008
Tempo della scrittura
2006 -2008
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
riflessioni
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
58 p.
Collocazione
MP/16

Vinci in cammino

Catiuscia Mariotti

Una donna toscana compie un pellegrinaggio a Roma percorrendo la Via Francigena.
Estremi cronologici
2013 -2013
Tempo della scrittura
2013
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
4 p.
Collocazione
MP/T3
Soggetti
Parole chiave