Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 73

Buon giorno signor Sindaco

Agostino Paluan

Nato e cresciuto in una famiglia di braccianti, un pensionato ripercorre i momenti più significativi del suo impegno nel sindacato Cgil e nel Partito comunista: da garzone in un caseificio a sindaco del suo paese, attraverso le esperienze nella Federbraccianti. Entrato nella scuola come impiegato della segreteria, ha continuato l'attività sindacale, spostandosi in varie sedi, come responsabile organizzativo.
Estremi cronologici
1932 -2004
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Allegati
Consistenza
pp. 264
Collocazione
MP/Adn2

[...] Io sono nata

Laila Malavasi

"La scelta della politica a tempo pieno ha influito moltissimo nella mia vita": l'esperienza della Resistenza, con nove mesi di vita di montagna, segna le scelte future della figlia di una famiglia di mezzadri; non si sposerà nè avrà figli, per poter accettare ruoli dirigenziali nel sindacato e nel partito.
Estremi cronologici
1921 -1960
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 35
Collocazione
MP/Adn2

Le scelte a cui mi sono trovato di fronte in un periodo particolare della mia vita

Emore Giaroni

Dal maggio 1941 al primo gennaio 1946: cinquantasei mesi passati nell'aeronautica, nella memoria di un pensionato. Dal Piemonte alla Calabria, conclude il servizio a Roma, prima come cuoco del Ministro dell'aereonautica, poi come magazziniere presso la caserma Macao. Sullo sfondo dei grandi eventi bellici, ha la consapevolezza della fortuna di essere lontano dalla prima linea.
Estremi cronologici
1935 -1946
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Allegati
Consistenza
pp. 31
Collocazione
MG/Adn2

Srotolando il gomitolo della memoria

Mariagrazia Del Rio

Nella memoria di un'insegnante, i ricordi dell'infanzia segnata dall'improvvisa e prematura morte del padre, dalla rigorosa educazione impartitale dalla madre e dall'affetto della famiglia. L'impegno scolastico, le ristrettezze della guerra e il dolore sempre vivo per la perdita del genitore, segnano il passaggio verso l'adolescenza.
Estremi cronologici
1936 -1945
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Allegati
Consistenza
pp. 160
Collocazione
MP/Adn2

Volere è potere

Magda Giuliani

Mentre è studentessa inizia a tenere un diario, dove le annotazioni dei primi anni sono in lingua tedesca e inglese. Lo continua mentre ancora va a scuola e anche dopo, da impiegata: scrive degli incontri con gli amici, dei brevi viaggi per lavoro, della malinconia che l'assale in alcune giornate in cui ogni iniziativa sembra andare storta, ma che non le fa perdere l'ottimismo.
Estremi cronologici
1944 -1955
Tempo della scrittura
1944 -1955
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Allegati
Consistenza
pp. 971
Collocazione
DP/Adn2

Andavamo a cento all'ora

Carla Maria Nironi

Un lungo viaggio nella memoria di una dipendente comunale, impegnata sin dalla metà degli anni Sessanta, nel promuovere e sostenere la nascita di scuole dell'infanzia, a Reggio Emilia. In nome dello slogan "Una scuola pubblica e gratuita per tutti i bambini dai tre ai sei anni", lotta per ottenere ambienti accoglienti, materiale didattico adeguato e raggiungere, con strutture e mezzi, anche i luoghi più disagiati.
Estremi cronologici
1964 -1998
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Formato Digitale: 1
Allegati
Consistenza
pp. 70
Collocazione
MP/Adn2

Mia madre: una donna dell'Emilia

Antonietta Chierici

La memoria di un'insegnante elementare ruota intorno alla figura della madre che le insegna, fin da piccola, l'importanza del lavoro e dell'istruzione: sullo sfondo delle lotte bracciantili e della nascita delle prime cooperative, Antonietta frequenta la scuola elementare, inizia a lavorare con i genitori e, da adulta, realizza il sogno del diploma superiore.
Estremi cronologici
1951 -1960
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 36
Collocazione
MP/Adn2

Autobiografia 1922 al 1949

Archimede Mirko Bianchini

Il racconto dei dodici anni trascorsi in una struttura semimanicomiale, dove entra da bambino ed esce da adolescente. Anni disperati cui segue il servizio militare, il fronte greco-albanese e la prigionia in Jugoslavia. Rientrato in Italia nel 1946, trova accoglienza presso la comunità di Nomadelfia, dove lavora e incontra la donna che sposerà due anni dopo.
Estremi cronologici
1922 -1949
Tempo della scrittura
2000 -2002
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 250
Collocazione
MP/Adn2

In memoriam

Graziana Fattori

Un'adolescente romagnola affetta da tisi, è ricoverata in sanatorio nel 1940: costretta a letto dalla debolezza e dalla febbre, affronta con fede la sofferenza. Vane sono le speranze alimentate anche da un intervento chirurgico.
Estremi cronologici
1940 -1942
Tempo della scrittura
1941 -1942
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 27
Collocazione
MP/Adn2

Trent'anni di memorie per guardare avanti

Luciano Corradini

La nascita della prima figlia segna l'inizio di una scrittura assidua, che durerà trent'anni. L'amore per Dio e per la famiglia è al centro dell'esistenza di un emiliano colto, che esprime nella carriera universitaria e nell'impegno politico, la ricerca di equilibrio e il suo tendere al futuro con fiducia.
Estremi cronologici
1961 -1991
Tempo della scrittura
1961 -1991
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
cronaca
riflessioni
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 461
Collocazione
DP/06