Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 58

[...] Dopo alcuni mesi dal Luglio 1943

Saverio Baio Mazzola

Lavora come contadino e nel tempo libero si dedica alla politica. Già da ragazzo aderisce al PCI. Inizia a lavorare alla Confederterra e, successivamente, viene eletto direttore dei contadini mezzadri. Vive un periodo molto tormentato poichè ricco di lotte contadine. Diviene presidente provinciale dell'Alleanza Contadini di Caltanissetta fino al 1980. Dal 1956 al 1996 è stato presidente della cooperativa "La Rinascita". Infine si è occupato di associazionismo e ha costituito 3 associazioni cerealicole. Nel testo si trovano due interviste.
Estremi cronologici
1926 -2010
Tempo della scrittura
2010 -2010
Tipologia testuale
Memoria personale
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Dattiloscritto: 2
Consistenza
35 p.
Collocazione
Sez/ADN2

Vita e verità sul proletariato del mezzogiorno.

Michele Stefanile

L'autore ha intrecciato le proprie memorie con le vicende collettive accadute nel proprio paese: Oppido Lucano. Analizza vari aspetti della società, in particolare quello del lavoro nel Mezzogiorno.
Estremi cronologici
1900 -1952
Tipologia testuale
Memoria personale
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
167 p.
Collocazione
MP/ADN2

E non venisse mai giorno! Ricordi di un'infanzia contadina.

Anna Gironi

L'autrice racconta la dura vita di campagna, specie durante la Seconda Guerra Mondiale. Comincia la sua vita di ragazza e donna in città, a Bologna.
Estremi cronologici
1937 -2010
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
107 p.
Collocazione
MP/ADN2

I nostri ricordi di un tempo lontano

Clelia Marchi

Una contadina del mantovano racconta la propria vita a partire dall'infanzia, parlando soprattutto della famiglia e del lavoro in campagna. La morte dell'amato marito in un incidente stradale la segna profondamente e la scrittura la aiuta a superare il dolore. Parte della scrittura è in dialetto e il testo comprende anche alcune poesie.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1910-1919
Fine presunta: 1990-1999
Tempo della scrittura
Inzio: 1974
Fine presunta: 1990-1999
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Consistenza
888 p.
Collocazione
MP/Adn2

Wendyam

Talatou Clémentine Pacmogda

Una giovane nata in Costa d'Avorio da genitori emigrati lì dal Burkina Faso, ricostruisce la storia della propria famiglia attraverso un colloquio con la nonna e racconta gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza trascorsi in Africa, con riferimenti anche alla sua nuova vita in Italia, dov'è arrivata per motivi di studio e si è stabilita da tempo.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1900-1999
Fine: 2018
Tempo della scrittura
2018
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
210 p.
Collocazione
MP/Adn2

L'odore della domenica

Ivan Minguzzi

Un uomo, bambino negli anni Cinquanta, ricorda la sua infanzia tra il lavoro contadino, la scuola, le amicizie e le prime esperienze "politiche" come membro dell'Associazione Pionieri d'Italia, legata al PCI.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1950-1959
Fine presunta: 1960-1965
Tempo della scrittura
2012 -2012
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
51 p.
Collocazione
MP/Adn2

Cosi incominciò la mia vita

Orlanda Ricci

Una donna, nata a Roma negli anni Venti e vissuta sempre nella capitale, racconta la sua lunga vita. Ultima di una numerosa prole, cresce in una famiglia molto unita, si sposa in tempo di guerra e affronta l'assenza del marito, inviato al fronte in Africa e fatto prigioniero. Dopo il suo rientro, vive al suo fianco con amore ed è una moglie e una madre felice. Sempre solidale e altruista, non si abbatte di fronte alle numerose difficoltà e ai lutti che la colpiscono nel corso degli anni.
Estremi cronologici
1923 -2011
Tempo della scrittura
2007 -2011
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
342 p.
Collocazione
MP/Adn2

Diario della mia vita

Giovanni Damiano

Nato e cresciuto in un'agiata famiglia contadina, partecipa alla prima guerra mondiale da cui torna fortunosamente a casa: sposatosi, inizia con tanti sacrifici un'attività in proprio. Rimasto vedovo con una bambina di un anno, si risposa, ha altri tre figli e si dedica con successo al commercio di vino ed olio. Animato da una solida fede, supera la perdita della seconda moglie e la malattia della figlia.
Estremi cronologici
1898 -1977
Tempo della scrittura
1964 -1975
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 447
Collocazione
MP/09