Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 778

Qualche ricordo di vita vissuta

Omero Gennaioli

Un cantastorie dei giorni nostri fa rivivere attraverso i suoi "scarabocchi" i ricordi di scuola, i lavori, le usanze, l'epoca di guerra, e i personaggi della "città del diario"(Pieve Santo Stefano).
Estremi cronologici
1933 -1987
Tempo della scrittura
1986 -1987
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 45
Collocazione
MP/88

Viaggiando con la penna in tasca

Daniele Cini

Gli appunti di viaggio di un giovane regista: un po' per lavoro, un po' per amore, visiterà prima la Cina Popolare, poi il Nicaragua - dove s'invaghirà di una poetessa sandinista -, gli Stati Uniti e Santo Domingo, per inseguire la sua compagna giramondo; infine la Malesia, per realizzare un documentario sulla jungla.
Estremi cronologici
1978 -1988
Tempo della scrittura
1978 -1988
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 153
Collocazione
DV/89

Nospais

Franco Alasia

Un paese della provincia torinese si racconta attraverso i ricordi dei suoi abitanti, tra cui, in ombra, quelli dell'Autore: a parlare, infatti, sono soprattutto i vecchi, testimoni diretti dell'inevitabile passaggio dalla civiltà contadina a quella industriale.
Estremi cronologici
1927 -1970
Tempo della scrittura
1970 -1988
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
ricordi
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 379
Collocazione
MP/90

La culla di ferro

Adele Fasulo

Un'insegnante rievoca il periodo della fanciullezza trascorso in Sicilia: l'allegria dei giochi infantili, ma anche la paura del terremoto e il dolore causato dalla prematura scomparsa della sorella. La culla di ferro, servita per tutti i figli, è simbolo premonitore, così "nera e tragica", di un futuro triste e doloroso.
Estremi cronologici
1902 -1913
Tempo della scrittura
1973
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 29
Collocazione
MP/90

Voci lontane di casa mia

Mina Ferrari

Giochi, litigi presto sopiti, corse trafelate, scappatelle innocenti, scherzi e risate: la lieta infanzia e l'inquieta giovinezza dei rampolli di una famiglia benestante, prima che la vita avanzi con il suo ritmo implacabile.
Estremi cronologici
1924 -1950
Tempo della scrittura
1986 -1988
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 169
Collocazione
MP/90

Ricordi d'infanzia

Gabriella Gabbrielli

Lo spettacolo offerto dal mare di Livorno, dove l'Autrice vive con la famiglia, come stimolo a ricordare quello offerto dalla campagna toscana dove ha trascorso - osservando la natura e andando a caccia - un'infanzia felice, prima della scomparsa dei genitori.
Estremi cronologici
1922 -1926
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1980-1989
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 15
Collocazione
MP/90

Lontani ricordi

Nello Cecchi

Un poliziotto in pensione rievoca con rimpianto la sua infanzia felice, trascorsa in una tenuta dei conti della Gherardesca, di cui il padre era fattore: "Avete mai gustato una salsiccia arrostita sopra un fuoco improvvisato in mezzo al bosco? No? Ebbene avete perduto una cosa meravigliosa!"
Estremi cronologici
1912 -1989
Tempo della scrittura
1989
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 53
Collocazione
MP/Adn

Storie vere oppure no. Avventure di una nonna moderna

Luisa Pini

In forma di racconti sospesi fra verità e fantasia, una pensionata narra alcune vicende della sua vita, passando dall'infanzia alla vecchiaia, dai ricordi ai sogni, il tutto condito di ottimismo e allegria.
Estremi cronologici
1923 -1986
Tempo della scrittura
1986
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
racconti
zibaldone
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
34 racconti. pp. 850
Collocazione
MP/86

Turismo a cinque punte

Carlo Sartorio

Un militare piemontese racconta in terza persona l'arruolamento volontario nell'aeronautica militare, alla vigilia della seconda guerra mondiale. Le azioni di guerra sono intramezzate da numerose avventure amorose, fino al ritorno in famiglia che si compie nel 1946.
Estremi cronologici
1937 -1946
Tempo della scrittura
1946
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
racconto
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Integrazione
Consistenza
pp. 421
Collocazione
A/88

Oh! Castellazzina! Nella tua borgata, fra quella gente ...

Piera Rosa Risso

Una casa colonica, dove una maestra ha vissuto la sua infanzia, torna a popolarsi di presenze evocate nel ricordo di un lontano passato quando, ancora abitata, questa casa accoglieva fra le sue mura una numerosa famiglia, che in quel luogo ha trascorso anni felici.
Estremi cronologici
1928 -1935
Tempo della scrittura
1986
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 207
Collocazione
MP/88