Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 4912

Il grande viaggio

Anna Ordazzo

Una signora torinese con marito e due figli scrive un diario che racconta la sua esperienza di sostegno alla madre ammalata di tumore. Decide di tenerla a casa per farle vivere più serenamente possibile gli ultimi mesi di vita. Il sacrificio, la stanchezza e il dolore sono superati grazie all'amore e alla vicinanza dei familiari.
Estremi cronologici
2013
Tempo della scrittura
2013
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
232 p.
Collocazione
DP/18

Papà, ascoltami, ora che vivi in me

Monica Cornali

Dopo la morte del padre, una donna gli scrive delle lettere, per elaborare il lutto e superare le difficoltà del loro rapporto. Nel suo percorso introspettivo, esprime anche forte preoccupazione per la malattia della madre.
Tempo della scrittura
2018 -2018
Tipologia testuale
Epistolario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
40 p.
Collocazione
E/T3

Diario della quarantena felice

Mattia Lento , AA.VV.

Durante il lockdown dovuto al COVID-19, alcune persone in coabitazione italofona a Zurigo scrivono un diario raccontando la loro quotidianità. La scrittura nasce principalmente come attività per i loro bambini, ma coinvolge tutta la "famiglia allargata" ed è un momento di condivisione per grandi e piccoli.
Estremi cronologici
2020 -2020
Tempo della scrittura
2020 -2020
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
96 p.
Collocazione
DP/T3

Il paese delle meraviglie

Daniela Masi

Una donna parla di sé e racconta la storia della sua famiglia, l'amore per i nonni e per i genitori, le loro vicende, la sua infanzia e lo scorrere della vita dai ricordi del passato fino al tempo presente.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1900-1943
Fine: 2018
Tempo della scrittura
2018 -2018
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
66 p.
Collocazione
MP/T3

[...] Una immensa distesa di sabbia

Pietro Fossati , Gabriella Gabbrielli

Nel 1943, un militare presta servizio in Emilia, dove addestra le reclute. La moglie l'ha raggiunto e la loro vita scorre tranquilla fino all'armistizio. Il 9 settembre l'uomo viene fatto prigioniero dai tedeschi, deportato e internato nei campi del Reich, dove resta fino al termine del conflitto.
Estremi cronologici
1940 -1945
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1945-2003
Fine presunta: 1945-2003
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
19 p.
Collocazione
MG/T3

[...] Nozze - ore otto

Cristina Taurchini

Una giovane umbra si sposa a Trieste il 5 marzo del 1944 e appunta in un diario le tappe del viaggio di rientro a Orvieto e alcuni fatti quotidiani dei mesi successivi.
Estremi cronologici
1944 -1944
Tempo della scrittura
1944 -1944
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
5 p.
Collocazione
DP/T3

Non tutto il male vien per nuocere. Ai miei tempi

Gerardo Gobbi

In occasione del compimento degli ottant'anni, un uomo ripercorre la sua vita a partire dall'infanzia nelle campagne dell'alta Umbria. Una grave malattia che lo colpisce in gioventù, il trasferimento al Nord, il lavoro, il matrimonio e la paternità, il pensionamento, il volontariato e il tempo dedicato al racconto di sé sono gli aspetti principali della sua scrittura autobiografica.
Estremi cronologici
1939 -2014
Tempo della scrittura
1953 -2016
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
213 p.
Collocazione
MP/Adn2

Diario 1942-1944

Giovanni Devoto

Durante la Seconda guerra mondiale, un dirigente industriale milanese - rimasto in città mentre la famiglia si è trasferita a Cortina d'Ampezzo (BL) per sfuggire ai bombardamenti - tiene un diario dove accanto agli accadimenti privati annota gli eventi bellici e le proprie riflessioni in relazione all'andamento del conflitto. Convinto antifascista, vede l'Italia versare in condizioni sempre più critiche a causa del regime. La sua vita si conclude prima della fine della guerra, a causa di una grave malattia ai polmoni.
Estremi cronologici
1942 -1944
Tempo della scrittura
1942 -1944
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
588 p.
Collocazione
DG/Adn2

Vita di Adelia

Adelia Trivellato

Un'anziana pensionata detta, registrandola il nipote, la storia della sua vita. Nasce ad Este (PD) nel 1924, quinta figlia, e la madre muore dopo la nascita del sesto mentre il padre era un uomo buono che si arrangiava nei lavori di campagna. Quando le figlie più grandi si sposano gli altri vanno a vivere in una casa più piccola e Adelia aiuta nel lavoro la sorella che faceva la sarta. Iniziata la guerra va a lavorare a Roma, a Colleferro, in una fabbrica di esplosivi dormendo in convitto dalle suore: conosce Antonio, si sposano e vanno ad abitare a Lavico. Nasce Pio ma muore a tre anni. Comprano una casa, nascono due figli, il secondo muore giovane, e anche...
Estremi cronologici
1924 -2017
Tempo della scrittura
2017 -2017
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Memoria orale
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Audiocassetta: 1
Allegati
Consistenza
51 p.
Collocazione
MP/18

[...] Carissimi tutti

Gavino Ruju

Trentadue lettere indirizzate alla famiglia, in particolare alla madre, di un giovane universitario di Sassari inviato in Grecia come volontario e impiegato in vari servizi presso comandi in varie località della costa. Le descrizioni offrono squarci della realtà sociale circostante, oltre che della vita che conduce durante il periodo dell'occupazione italiana.
Estremi cronologici
1941 -1942
Tempo della scrittura
1941 -1942
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 1
Formato Digitale: 1
Consistenza
33 p.
Collocazione
E/18