Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 100

Il caso letterario di E. Morelli?

Eugenio Morelli

Appunti e riflessioni sul tempo, sulla sua salute e sul suo lavoro. Partecipa a concorsi letterari, scrive poesie, articoli e racconti per giornali e riviste.
Estremi cronologici
2001
Tempo della scrittura
2001
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 56
Collocazione
DP/Adn2

Frammenti di vita, percorso di un lavoro

Ferruccio Brugnaro

L'autore comincia a lavorare in fabbrica giovanissimo, agli inizi degli anni '50. Le condizioni sono difficili, il salario basso, sale quindi la sua rabbia che si concretizza nell'impegno sindacale svolto anche attraverso la diffusione delle sue poesie politiche presso molte fabbriche.
Estremi cronologici
1997
Tempo della scrittura
1997
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 3
Collocazione
MP/T2

Autobiografia di Carlo Groppi (1938-1963)

Carlo Groppi

Un dirigente comunista dell'Alta Val di Cecina racconta la sua formazione umana e sociale: dall'infanzia con i nonni, all'adolescenza curiosa di letture, con le amicizie e i primi amori. Inizia a lavorare molto giovane, si interessa di politica e solo a metà degli anni Sessanta riuscirà a superare le discriminazioni e a fare carriera occupandosi anche di sindacalismo, attività che lo seguirà fino alla pensione e oltre.
Estremi cronologici
1944 -1991
Tempo della scrittura
1995
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 38
Collocazione
MP/Adn2

Le vertigini del fuoco

Lorenza Cungi

La crisi esistenziale di una laureata in economia e commercio, alla ricerca di un equilibrio interiore e di una tranquillità, sempre minata da incomprensioni familiari e dal tentativo di sfondare nel mondo letterario e giornalistico: nel suo diario intimo, domande, incertezze, poesie, rabbia e felicità per un'autoanalisi spietata, solo a volte capace di dare una soluzione a storie affettive inquiete e a esperienze lavorative deludenti.
Estremi cronologici
1970 -1976
Tempo della scrittura
1970 -1976
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 322
Collocazione
DP/03

Storia della mia vita

Antonio Buratta

Un pensionato racconta, in rima, la storia della propria vita: a una giovinezza dura, segnata dal lavoro agricolo e dalla pastorizia, subentra l'esperienza della deportazione a Mauthausen e, dopo la liberazione, l'emigrazione in Sardegna. L'amore per Linda, sua futura moglie, lo spinge a migliorare le proprie condizioni e, trovato lavoro a Roma come autista, si sposa e si trasferisce nella capitale.
Estremi cronologici
1927 -2000
Tempo della scrittura
1990 -1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
poesia
canzoniere
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 89
Collocazione
MP/03

Lettere d'amore a Maria V.

Pasquale Simone

Quindici anni d'amore fra due colleghi insegnanti, entrambi sposati. Quasi trecento pagine di lettere d'amore di un uomo innamorato alla sua donna, fra esaltazione e tristezza, passione e speranza. Fino al dolore per la decisione di lei di lasciarlo.
Estremi cronologici
1987 -2001
Tempo della scrittura
1987 -2001
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 379
Collocazione
E/04

Il ritorno

Francesco Baldassi

All'età di dieci anni entra in seminario per diventare frate francescano. Dopo dieci anni lascia il convento e si allontana dalla fede religiosa per abbracciare quella politica. Seguirà l'ideologia marxista, si farà una famiglia, ma alla fine di questo percorso "di allontanamento e di deserto" tornerà a Dio con una più matura consapevolezza.
Estremi cronologici
1938 -1998
Tempo della scrittura
1998 -2001
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
riflessioni
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 167
Collocazione
MP/04

Un'infanzia saltata

Mario Raso

L'autobiografia in terza persona, scritta tra prosa e poesia, di un calabrese che, dopo aver perso il padre a soli sette anni, trascorre l'adolescenza in un collegio religioso dei padri Concezionisti. Trova lavoro in Emilia e qui si innamora di una giovane che non vuole sposarlo pur avendolo reso padre. Le poesie esprimono il dolore per la lontananza dalla figlia che, nel frattempo, vive con la madre a Napoli.
Estremi cronologici
1968 -2001
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
poesia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 59
Collocazione
A/Adn2

Vizi pubblici e private virtù

Anna Pia Bertocchi

Un'impiegata quarantenne ripercorre la propria vita come in un album della memoria: attraverso ricordi che emergono come lampi e illuminazioni, riappaiono le figure tipiche del paese d'origine e dell'infanzia. E' forte il rimpianto per la scomparsa prematura dell'adorato padre ferroviere, e intenso il legame con la madre, un'insegnante che dava lezioni private ai molti giovani del paese ed era stimata da tutti come una figura di eccezionale statura culturale. Gli elettroshock che l'autrice subisce in una casa di cura in cui viene ricoverata a causa di una crisi psichica, la segnano ma non la piegano. Oggi vive a Bologna, ha avuto una figlia che ha cresciuto...
Estremi cronologici
1947 -1993
Tempo della scrittura
1993
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Epistolario
zibaldone
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 160
Collocazione
MP/05

Volevo la mia vita diversa

Maria Teresa Vago

Con annotazioni giornaliere una sessantenne lombarda ricorda la sua infanzia e giovinezza, riflette sui contrasti con il padre e sulle occasioni perdute. Ma è soprattutto il rimpianto per il marito morto di tumore che le procura dolore e angoscia. L'amore per il figlio l'aiuta a vivere.
Estremi cronologici
1945 -2004
Tempo della scrittura
2003 -2004
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 44
Collocazione
MP/05