Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 20

Il giorno di San Martino

Antonio Dell'Armi

Le traversie di un bersagliere sbandato dopo l'8 settembre: da Torino a Capracotta nell'alto Molise, a piedi, fino all'incontro con gli inglesi.
Estremi cronologici
1937 -1944
Tempo della scrittura
1984 -1985
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 20
Collocazione
MG/91

Diario di prigionia

Giordano Pagani

Sei compagni d'armi, bersaglieri, decidono di tenere insieme un comune diario della loro guerra, ma solo uno di loro manderà avanti l'impresa, anche quando sarà fatto prigioniero dagli inglesi in Africa. Il quadernetto diverrà proprietà di un commilitone che lo ha ritrovato casualmente sul campo di battaglia.
Estremi cronologici
1941
Tempo della scrittura
1941
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 21
Collocazione
DG/92

Diario di un bersagliere

Giuseppe Tiburni

Un diario di guerra scritto da un bersagliere della fanfara del reggimento: la vita delle retrovie, il prete che non voleva fossero suonati ballabili, la fucilazione di un marinaio per diserzione e la fuga di Caporetto.
Estremi cronologici
1916 -1919
Tempo della scrittura
1916 -1919
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 211
Collocazione
DG/96

Memorie di prigionia

Ugo Mario Venturelli

Un sollevatore di pesi, rappresentante di gioielli prodotti in Svizzera, diventa tenente dei bersaglieri ciclisti nella prima guerra mondiale e partecipa avventurosamente all'episodio della ritirata di Caporetto, fino ad essere fatto prigioniero.
Estremi cronologici
1917 -1918
Tempo della scrittura
1917 -1918
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 26
Collocazione
DG/96

La resistenza di poi

Ezio Bennati

Un commerciante in pensione ricorda il periodo del servizio di leva, l'adesione al partito comunista e la propaganda antimilitarista svolta tra i commilitoni. Questo atteggiamento gli renderà la vita non facile, ma l'autore conquisterà la stima dei superiori per l'onestà di comportamento e per la chiarezza delle proprie idee.
Estremi cronologici
1931 -1954
Tempo della scrittura
1997
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 64
Collocazione
MP/99

Diario

Carlo Ciseri

Diari tenuti per settanta anni da un colto albergatore fiorentino che, reduce della Grande guerra, aveva subito il fascino di Mussolini e, nel 1940, parte volontario per l'Africa Orientale, dove finirà prigioniero degli inglesi. A cinquant'anni, il ritorno alla vita civile: gli alberghi da lui diretti, l'acquisto della casa, l'alluvione di Firenze, le gioie e i lutti famigliari. Infine, la degenza presso una casa di riposo.
Estremi cronologici
1915 -1984
Tempo della scrittura
1915 -1984
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
zibaldone
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 4
Fotografie
Consistenza
pp. 508
Collocazione
DP/99

I racconti del biondo

Alberto Recanatini

Raccolta di memorie della guerra partigiana per la liberazione della Val Trebbia: attraverso alcuni ricordi che il partigiano Cesare Peruzzi, in codice il "biondo", arruolatosi nella Divisione Piacenza dopo essere scappato da un campo di concentramento, narra all'autore, si apre uno spiraglio sulle incursioni partigiane, sui rastrellamenti nazisti e sul sacrificio di molti compagni.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 98
Collocazione
MP/Adn2

Rolino della capagnia de lanno 1866

Luigi Sodi

Tre mesi di spostamenti, manovre, marce e battaglie nel 1866 durante la terza guerra di indipendenza nella memoria di un soldato toscano.
Estremi cronologici
1866
Tempo della scrittura
1866
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 4
Collocazione
MG/T2

Nebbia amica

Rosolo Branchi

Un ex giornalista -da giovane allievo ufficiale nel corpo dei Bersaglieri- ripercorre gli anni trascorsi al fronte, lontano dalla madre vedova e in pieno disorientamento dopo l'Armistizio. Riavvicinatosi a casa dopo essere stato in servizio nel sud Italia, vive gli ultimi mesi del conflitto consapevole dell'inutilità di tanta violenza e animato dal desiderio di riabbracciare i propri cari.
Estremi cronologici
1943 -1946
Tempo della scrittura
2005
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 198
Collocazione
MG/06

Sulle rive del Don

Bruno Doni

Le amicizie con un ragazzo russo che gli insegna la lingua, e con un anziano che gli regala scarpe e colbacco, permettono a un giovane militare pratese di superare l'inverno sovietico e, fatto prigioniero dopo la disfatta sul Don, di farsi comprendere. A distanza di circa sessant'anni, la memoria della sopravvivenza a quattro anni di fronte russo.
Estremi cronologici
1941 -1946
Tempo della scrittura
2005
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 75
Collocazione
MG/07