Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 31

E' nata una figlia

Alfredo Zampolini

La nascita di una bambina segna una svolta nella vita di un insegnante di pedagogia che, per tre anni, registrerà puntualmente la crescita della figlia descrivendone l'alimentazione, il peso, i progressi nel parlare: è il tentativo di fare un diario utile ai genitori e agli studiosi del mondo infantile.
Estremi cronologici
1951 -1954
Tempo della scrittura
1951 -1954
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 199
Collocazione
DP/87

Storia di Elia (nato per vivere)

Cinzia Macconi

La denuncia di una madre che vede giorno dopo giorno morire il figlio sottoposto ad esami dolorosi nel tentativo di formulare una diagnosi che nemmeno l'esame autoptico permetterà di definire. La sofferenza di un bambino e di sua madre che scrive perchè ha bisogno di capire e di essere capita.
Estremi cronologici
1985 -1986
Tempo della scrittura
1986
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 35
Collocazione
MP/87

La polenta

Rita Secco

Un'italiana che ha passato la frontiera "in braccio alla madre a tredici mesi", racconta la storia della sua vita di "straniera" in Francia, il passaggio della guerra e, subito dopo, il matrimonio che finalmente la trasforma in una cittadina francese a tutti gli effetti. Racconta poi, tutto in lingua francese, la vita in famiglia e la nascita dei figli, fino alla morte del marito.
Estremi cronologici
1922 -1989
Tempo della scrittura
1987 -1989
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 178
Collocazione
MP/Adn

L'amica-nemica

Laura Biarella

Afflitta da bulimia, una studentessa si sforza di uscirne: racconta in un diario le cure affrontate con l'aiuto della neuropsichiatria e le prime esperienze della sua vita sentimentale e di studio.
Estremi cronologici
1993
Tempo della scrittura
1993
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Trascrizione a mano: 1
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 79
Collocazione
DP/94

Diario di guerra 1943-1945

Umanilio Guffanti

Comincia a lavorare a 13 anni, fa 25 mesi di prigionia in Germaniae su questo scrive un diario che racconta giorno per giorno la clausura, analizzando con meticolosa cura le proprie funzioni gastro-intestinali in rapporto al cibo ingerito.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Allegati
Consistenza
pp. 154
Collocazione
DG/96

Il Limite

Elena Gastaldi

Diario che percorre un anno di vita, attraverso la descrizione delle sensazioni e dei pensieri che formeranno la presa di coscienza di un serio disagio - l'anoressia mentale - e la relativa ricerca di strumenti per superarla.
Estremi cronologici
1987 -1988
Tempo della scrittura
1987 -1988
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 16
Collocazione
DP/97

Diario di alcuni mesi del 1944

Assunta Cristini

Durante la guerra, una donna coraggiosa fa la spola tra Roma, dove vive con marito e figli, e Veroli, dove abita la madre, trasportando nella sua valigia generi alimentari introvabili in città e affrontando il pericolo dei bombardamenti e delle perquisizioni dei tedeschi.
Estremi cronologici
1944
Tempo della scrittura
1981
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 53
Collocazione
MG/99

Una lunga morte

Andrea Venzi

Otto anni vissuti a fianco dei genitori malati: le case di riposo, gli ospedali, le cure, il bisogno di capire fino in fondo il mondo degli anziani costretti ad una profonda solitudine e vittime dell'incomprensione. In appendice, uno stralcio del diario dell'autore che narra anche della sua attività come funzionario di banca.
Estremi cronologici
1990 -1998
Tempo della scrittura
1998
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 130
Collocazione
MP/99

Memorie in cucina (e non solo)

Daria Usiglio

La vita dell'autrice, figlia di ebrei borghesi, dall'infanzia fino ai nostri giorni: narrazione di sé attraverso i cibi utilizzati come spunti narrativi. Storia dell'occupazione tedesca di Roma, del matrimonio con gli spostamenti, seguendo il lavoro del marito, a Londra, Milano, fino all'amata Cortona, dove la famiglia si stabilisce definitivamente.
Estremi cronologici
1933 -1998
Tempo della scrittura
1998
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 59
Collocazione
MP/99

Come sono sopravvissuta all'anoressia nervosa per venti anni

Dina D'Amico

Una vita raccontata di corsa, coi tanti incontri che cambiano l'esistenza di una giovane pratese che conoscerà tristi amori, soffrirà di anoressia nervosa e depressione e per un certo periodo sarà impegnata come fotomodella.
Estremi cronologici
1960 -1999
Tempo della scrittura
1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 91
Collocazione
MP/00