Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 64

Il Nodo al Cordone - Il Morso

Sergio Guidi

Originario di una famiglia contadina del cesenate, poi trasferitosi a Milano per lavorare come tecnico della telefonia, rievoca la propria giovinezza di guerra, i lavori che seguono l'alternarsi delle stagioni nella campagna romagnola, e racconta persino il dettaglio delle molte vacanze fatte con la moglie e le due figlie.
Estremi cronologici
1923 -1982
Tempo della scrittura
1983 -1989
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 328
Collocazione
MP/04

Diario a distanza di una vita

Francesco Mosconi

Nella memoria di un pensionato romagnolo, otto anni trascorsi tra guerra e prigionia: prima la guerra in Albania e Grecia fino al 1941, poi, dopo una licenza, l'incubo del Nord Africa. Tra Tunisia e Marocco si consuma una prigionia violenta, segnata dalla fame, dalla fatica e dalla morte di tanti compagni.
Estremi cronologici
1940 -1946
Tempo della scrittura
1998 -2002
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 48
Collocazione
MG/04

[...] Sono beatamente immerso

Gualtiero Sibilla

L'autobiografia di un pensionato marchigiano: desideroso di entrare nella Marina militare, non viene accettato a causa di una presunta malformazione cardiaca. Riesce ugualmente, dopo il diploma nautico, a entrare in compagnie di navigazione private, diventando direttore di macchina e viaggiando soprattutto nel Sud America. Conclude la sua carriera lavorativa come manager della General Motors svizzera.
Estremi cronologici
1928 -1988
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 78
Collocazione
MP/Adn2

Giornale di bordo - Campagna 1914

Luigi Conti

Il diario di bordo che l'autore, quindicenne allievo dell'Accademia navale di Livorno, deve tenere per i tre mesi della campagna d'istruzione a bordo della nave scuola "Amerigo Vespucci". Vi sono descritti il viaggio da Livorno a Glasgow e viceversa, le varie esercitazioni sul Mediterraneo, le visite, le conferenze a cui assiste e le gare a cui partecipa; c'è anche una nota presa nel giorno della dichiarazione di guerra tra Serbia e Impero Austro-Ungarico.
Estremi cronologici
1914
Tempo della scrittura
1914
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
diario di bordo
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 160
Collocazione
DV/05

Autobiografia

Lauro Limoni

L'autobiografia di un pensionato emiliano che, da piccolo imprenditore nel settore calzaturificio, diventa segretario provinciale dell'Associazione artigiana di Carpi. Sullo sfondo delle vicende politiche italiane, il costante impegno sindacale e lavorativo nel CNA, i sacrifici per dare sicurezza economica alla famiglia e un futuro sicuro al figlio.
Estremi cronologici
1930 -2005
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 85
Collocazione
MP/Adn2

La casa della musica

Daniel Ortega

La lunga e faticosa ricerca di serenità, nella memoria di un restauratore italiano, residente da molti anni a Ibiza. Cresce in una famiglia numerosa, con un padre che raramente gli ha dimostrato stima e affetto, e una madre a cui è molto legato ma che morirà prematuramente. Sposatosi ancora giovane e padre di un bambino, lascia il lavoro e per un periodo ha problemi con la giustizia, una volta risolti emigra in Francia poi in Spagna. Separatosi e dopo aver perso i genitori, supera una forte depressione grazie all'amore per la donna con cui formerà una "vera famiglia".
Estremi cronologici
Inzio: 1950
Fine presunta: 1980-1989
Tempo della scrittura
1981 -2006
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 102
Collocazione
MP/07

Tempo di guerra, "vita provvisoria"

Elio Rosi

La corposa memoria di un pensionato ligure abbraccia circa sessant'anni di vita: appena diplomato si arruola in fanteria, è poi inviato in prima linea al confine con la Francia. Diventato ufficiale è assegnato ai Battaglioni territoriali mobili, dopo l'8 settembre cerca salvezza nei monti liguri-piacentini sino all'ultimo proclama della Repubblica di Salò, che lo costringe ad uscire allo scoperto e presentarsi. A conflitto concluso trova lavoro, prima come artificiere poi come impiegato al distretto militare, sino all'impiego in una ditta privata che gli permette, per i continui spostamenti di conoscere molti paesi in Europa, Africa, America e Asia.
Estremi cronologici
1938 -1995
Tempo della scrittura
1945 -2005
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Diario
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 509
Collocazione
MG/07

Appunti di viaggio

Giovanna Merlini

Un'insegnante in pensione compie con il marito e i figli (poi con gli amici) dei viaggi in Europa, in Asia, in Sud America e in Africa: descrive le città, i paesaggi naturali ed artistici, gli usi e costumi degli abitanti. In un diario documentato da numerose fotografie e da alcune cartine geografiche.
Estremi cronologici
1971 -2006
Tempo della scrittura
1971 -2006
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 1113
Collocazione
DV/07

Ricordi di un navigante

Lucio Di Zarzot

Un capitano di lungo corso ripercorre le tappe della sua esperienza in Marina, dal periodo scolastico all'Istituto nautico al servizio militare. Cronaca di imbarchi e navigazioni verso l'Africa, il Golfo Persico, l'India, Giappone, Nord Europa e lungo il Mediterraneo, fino all'abbandono dell'attività.
Estremi cronologici
1950 -1997
Tempo della scrittura
1998 -1999
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp.94
Collocazione
MP/Adn2

Diario di prigionia

Giuseppe Andriolo

Due anni di vita rubata all'Ufficiale Andriolo, classe 1916, tra campi di prigionia siciliani e africani, alla mercé di irrispettosi francesi, alleati e sottoposti italiani. Due anni di vita raccontati a preziosi e minuscoli fogliettini, custodi delle pene d'amore per la cantante Gilda, prima appassionata fidanzata poi frivola compagnia durante gli intrattenimenti delle truppe. Giornate passate nell'inedia fisica e psichica, ora ad allestire spettacoli, ora a redigere ironici giornaletti o a cercare di studiare per gli insperati esami universitari tra fame, caldo torrido e freddo incredibile, oltre a pidocchi e sporcizia, umilazioni e angherie. Il tutto fini...
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 246
Collocazione
DG/10