Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 15

Telefonami tra vent'anni

Aldo Della Torre

Due ragazze che sono state amiche di un giovane disabile, morto prematuramente, hanno mandato all'Archivio di Pieve le lettere ricevute da lui, che parlano di amore, solitudine, motivi culturali e valore dell'impegno politico e sociale.
Estremi cronologici
1986 -1991
Tempo della scrittura
1986 -1988
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Integrazione
Consistenza
pp. 261
Collocazione
E/97

Il diario di Sissy

Elisabetta Arrabito

Una ragazza dai fermi principi, che lotta per acquistare sempre più fiducia in se stessa, riesce a "dare a sé la propria vita" raccontando le sue diverse esperienze, anche amorose, fino a quando, laureata, incontra l'uomo giusto che la sposerà.
Estremi cronologici
1979 -1995
Tempo della scrittura
1979 -1995
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
pp. 73
Collocazione
DP/98

Se fossi stato grasso

Cesare Ippoliti

Dall'infanzia fino alla laurea, un dirigente d'azienda rievoca giorni sereni vissuti come una singolare avventura. La fantasia lo ha aiutato a superare anche il periodo della guerra apprezzando l'ambiente paesano dove si è formata la sua personalità.
Estremi cronologici
1926 -1953
Tempo della scrittura
1982 -1983
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 144
Collocazione
MP/98

Il ritorno

Carlina Lorenzini

L'infanzia di una bambina in Argentina e il ritorno in Italia con i relativi disagi. Poi, gli studi, la guerra, lo sfollamento e la laurea, precedono un matrimonio forzato e molto infelice. Il lavoro del marito porta anche lei, insegnante, in Spagna, Messico e India, mentre nascono tre figli e un quarto muore. Alla fine, il divorzio.
Estremi cronologici
1924 -1964
Tempo della scrittura
1989 -1997
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotografie
Consistenza
pp. 30
Collocazione
MP/98

Mi ricordo

Giulietta Orlandi

Quindici pagine per ricordare una vita, come in un curriculum, con la morte prematura del padre e un viaggio a Lourdes. Gli estremi: una serena infanzia agiata e un anno "terribile" in collegio. Poi il gratificante lavoro di insegnante.
Estremi cronologici
1941 -1997
Tempo della scrittura
1997
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 15
Collocazione
MP/98

Distanza d'insicurezza

Irene Binaghi , Franco Salvetti

Due trentenni si conoscono, si separano e si raccontano: lei in Italia con il lavoro negli alberghi, lui negli Stati Uniti con un master sull'intelligenza artificiale, poi le loro riflessioni sulle abitudini, sulla politica e sui modi di intendere la vita. La comunicazione è affidata a internet e a brevi messaggi sul cellulare.
Estremi cronologici
2002 -2003
Tempo della scrittura
2002 -2003
Tipologia testuale
Epistolario
Tipologia secondaria
riflessioni
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 76
Collocazione
E/05

La cronaca di una vita

Vladimiro Pahor

Un medico in pensione, nato in una famiglia contadina della provincia di Gorizia, non accetta la dittatura fascista e stampa clandestinamente un giornale di propaganda sloveno. Dopo vari arresti viene liberato nel 1946 e, laureatosi a Zagabria, esercita la sua professione medica in Croazia. Scontrandosi con il regime comunista, approfitta di un convegno a Roma, per stabilirsi definitivamente in Italia.
Estremi cronologici
1923 -2002
Tempo della scrittura
2004
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotografie
Consistenza
pp. 144
Collocazione
MP/07

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si rinnova

Costantino Chiò

Ricordi e sogni nella memoria di un medico in pensione, che ripercorre il proprio cammino professionale ed emozionale, alla luce della propria esperienza e sensibilità.
Estremi cronologici
1944 -1950
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp.122
Collocazione
MP/Adn2

Sette pater aver e gloria

Laura Scalabrini

Nata nel 1940, ultima di quattro figli di una coppia di mezzadri, Laura descrive l'infanzia e adolescenza segnate dalla guerra, di cui indirettamente risente le conseguenze. Una storia personale ma anche allargata ai familiari, fatta di fame ma dignitosa miseria, di lotte sindacali e sfruttamento umano, di rappresaglie ed eccidi. Dal 1955 al 1990 un breve excursus racconta l'impegno sociale e politico nei Verdi e per la costituzione del Tribunale per i diritti del malato. Dopo tanto impegno il ruolo più ambito: fare la nonna.
Estremi cronologici
1940 -1990
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 81
Collocazione
MP/10

[Tra parentesi]

Giulia Scabbia

Una giovane laureata emiliana, sentendosi stretta nell'ambiente in cui è cresciuta, decide di mettersi alla prova trasferendosi a Londra. La città le offre opportunità di lavoro, la rende indipendente e allarga i suoi orizzonti ma l'iniziale entusiasmo lascia il posto alla nostalgia degli affetti. Torna a Ferrara con una nuova consapevolezza di sé, delle proprie capacità e priorità.
Estremi cronologici
2005 -2008
Tempo della scrittura
2005 -2008
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Fotocopia originale: 4
Fotografie
Consistenza
pp.78
Collocazione
DP/09