Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 89

Quando ero nei lager

Fulvio De Mattia

Costretto a sospendere gli studi superiori e ad arruolarsi in fanteria, un giovane é inviato insieme al suo battaglione in Croazia, dove, dopo l'Armistizio, sceglie di non arruolarsi né con i partigiani slavi, nè con i tedeschi. Nella propria memoria di pensionato, il racconto della prigionia nei campi di lavoro e della lotta per la sopravvivenza, che si conclude con il rientro a casa.
Estremi cronologici
1942 -1945
Tempo della scrittura
1985
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 49
Collocazione
MG/Adn2

1943 - 1945

Carlo Calzà

Da Treviso, dove é in servizio, un militare é deportato in Germania subito dopo l'Armistizio: internato in campi di lavoro, é costretto a lavorare nelle industrie pesanti, sopravvivendo alla rigidità del clima e alla fame. Affida così a un diario, il resoconto di giornate sempre uguali, scandite dalla speranza del rientro a casa.
Estremi cronologici
1943 -1944
Tempo della scrittura
1943
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 40
Collocazione
DG/Adn2

L'omino di ferro

Domenico Paladini

Nove anni trascorsi sotto le armi, suddivisi tra il servizio militare, la campagna d'Africa, il fronte greco-albanese e la prigionia in Polonia. Nella memoria di un'anziano pensionato, il racconto di una giovinezza negata dagli orrori e dalle sofferenze della guerra.
Estremi cronologici
1918 -1945
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 36
Collocazione
MG/Adn2

Otto + uno

Gaetano D'Aniello

Nato nell'isola di Procida, emigra a Firenze nel 1936 con la numerosa e agiata famiglia. Nel 1939 assiste alla visita di Hitler e Mussolini alla città. Allo scoppio della guerra le condizioni cambiano per tutta la popolazione: subentrano povertà, fame e paura per i continui allarmi aerei e bombardamenti sulla città. Gaetano racconta quegli anni di privazioni, paure, fughe per la città, nonostante le condizioni economiche migliori rispetto ad altri. Alla fine della guerra per il lavoro di carabiniere si traferisce prima a Roma e poi a Bologna.
Estremi cronologici
1928 -1949
Tempo della scrittura
2001 -2002
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 141
Collocazione
MP/06

Storia della mia generazione e quella di mia moglie

Norberto Morri

Un commerciante aretino in pensione ripercorre la sua vita. Terminata la scuola, in terza elementare, inizia a fare il contadino. Svolge poi il servizio militare a fianco degli alleati da Cassino a Bergamo fino al 1946. Nel dopoguerra riprende il lavoro nei campi e inizia l'attività politico sindacale. Sposatosi, intraprende due viaggi significativi, in Russia e Turchia. La memoria si chiude con la perdita della moglie.
Estremi cronologici
1920 -2001
Tempo della scrittura
2000 -2001
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 204
Collocazione
MP/06

Diario di guerra e prigionia

Rocco Settis

Diario tenuto da un soldato catturato dopo l'armistizio, e rinchiuso in un vari lager: descrive le sofferenze, la fame e le privazioni subite fino alla Liberazione, nell'aprile del 1945.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Formato Digitale: 1
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 19
Collocazione
DP/06

Un italiano modello 1912

Ugo Piazzi

Il lungo impegno sindacale di un ex docente universitario, cresciuto in una famiglia di fede cattolica. Dopo aver conseguito una laurea in legge, aderisce al fascismo e combatte sul fronte albanese. L'8 settembre 1943 si trova a Creta e sceglie di aderire con le sue truppe alla RSI. Dal dopoguerra lavora nelle ACLI, fino a diventarne uno dei responsabili regionali e nazionali.
Estremi cronologici
1912 -1987
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1990-1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 150
Collocazione
MP/06

Diario di un soldato della seconda guerra mondiale

Giulio Piermatti

L'occasionale ritrovamento del diario scritto durante la guerra, spinge un pensionato umbro a ricordare la propria infanzia e giovinezza, segnate dall'esperienza bellica: artigliere dislocato a Rodi, dopo l'8 settembre è deportato in Germania, dove sopravvive grazie al lavoro svolto prima presso un'acciaieria, poi presso una famiglia contadina.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1920-1929
Fine: 1957
Tempo della scrittura
2006
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 105
Collocazione
MG/07

Dalla mia sponda, il fiume

Claudia Berton

Saga familiare di un'ex insegnante di lingue di Padova. Attraverso fotografie di famiglia ripercorre le vicende degli antenati, partendo dai primi anni dell'Ottocento, per tramandarle alla nipote.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1800-1809
Fine presunta: 1940-1949
Tempo della scrittura
2001
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp.119
Collocazione
MP/Adn2

Testimonianza

Angelo Majori

Memorie di un ufficiale dell'esercito, che, dopo l'8 settembre 1943, entra a far parte dei Comitati di liberazione nazionale, alla guida del movimento clandestino socialista nella zona di Cremona. Breve storia di come si formarono i primi nuclei armati della Resistenza, delle azioni di sabotaggio e degli arresti ai vertici di queste formazioni, che lottarono per la liberazione della Patria.
Estremi cronologici
1942
Tempo della scrittura
1973
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 24
Collocazione
MP/Adn2