Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 8

Diario

Uberto Achille Scaciga Della Silva

Il sogno di una libera repubblica nella valle dell'Ossola, dopo solo 40 giorni dalla liberazione del territorio da parte delle truppe partigiane, sta svanendo: i nazi-fascisti stanno infatti riconquistando la valle, e gli abitanti che avevano dato supporto alle bande partigiane fuggono verso la Svizzera. L'autore del testo, sordo da entrambe le orecchie, è uno dei pochi che decide di rimanere nella propria abitazione, al fine di proteggere i beni della famiglia. Durante i mesi in cui il paese è occupato dai tedeschi e dai repubblichini di Salò, l'autore tiene un diario in cui descrive gli avvenimenti giornalieri, contrassegnati dalle continue confische e dai...
Estremi cronologici
1944 -1945
Tempo della scrittura
1944 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Allegati
Consistenza
9 p.
Collocazione
DP/T2

Diario di guerra di Duilio Fornarola

Duilio Fornarola

La guerra e l''occupazione del proprio paese da parte delle truppe tedesche, viste attraverso gli occhi di un bambino. In mezzo alla fame, alla miseria e ai continui bombardamenti emergono due figure positive: un soldato tedesco con cui fa amicizia, ma che sarà inviato al fronte a Cassino e non farà più ritorno, e un frate che, rinunciando al proprio pasto, offre da mangiare a lui e ad un suo amico.
Estremi cronologici
1942 -1947
Tempo della scrittura
2008
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Allegati
Consistenza
18 p.
Collocazione
MG/T2

[...] La notizia dell'armistizio

Attilio Lasorsa

Resoconto dei mesi successivi all'8 settembre 1943, vissuti in prima persona da un sottotenente, capo ufficio amministrazione del reggimento Lucca della divisione Ariete, di stanza a Roma. Prima il tentativo di difendere la città dai tedeschi, quindi la resa, e infine la clandestinità, dovuta al rifiuto di aderire alla neonata Repubblica Sociale.
Estremi cronologici
1943
Tempo della scrittura
1943
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Dattiloscritto: 2
Consistenza
11 p.
Collocazione
MG/T2

E poi passò il fronte

Mauro Panichi

Un militare italiano, in seguito all'armistizio dell'8 settembre 1943, decide di fuggire a casa assieme ai suoi compagni e aderire segretamente alle brigate partigiane. Trova quindi lavoro come elettricista alla scuola elementare del suo paese, Terranuova Bracciolini, da dove può sorvegliare per conto dei partigiani, i movimenti delle truppe nazi-fasciste. Un giorno si accorge che i tedeschi, in ritirata, stanno minando tutta la città: di nascosto disinnesca quindi alcune delle mine, riuscendo così eroicamente a salvare alcuni importanti edifici della città dalla distruzione.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
2010
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Dattiloscritto: 1
Allegati
Consistenza
18 p.
Collocazione
MG/T2

[...] Fra gli altri militari

Angelo Santucci

L'autore, all'epoca bambino, ricorda l'occupazione del suo paese da parte dei nazisti, focalizzandosi in particolare sull'amicizia che aveva stretto con un soldato tedesco.
Estremi cronologici
1944
Tempo della scrittura
2011
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
1 p.
Collocazione
MG/T2

Il diario di Gemma

Gemma Cecchi

L'occupazione tedesca e la liberazione da parte dei soldati americani della frazione di San Vivaldo, nel comune di Montaione (Firenze), nel diario di una maestra elementare. Grande risalto è dato alla descrizione dei saccheggi e della brutalità dei soldati tedeschi.
Estremi cronologici
1944
Tempo della scrittura
1944
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
30 p.
Collocazione
DG/T2

La guerra di Meo

Romeo Tacconi

L'autore, adolescente all'epoca dello svolgimento dei fatti, racconta alcuni episodi di cui fu protagonista durante l'occupazione nazista dell'Italia. Costretto a sfollare assieme alla sua famiglia, dapprima da Rimini, poi da Badia Prataglia, raggiunse infine Monte Castello, dove fu costretto a vivere nascosto per sfuggire ai rastrellamenti tedeschi. Grandi parole di affetto sono spese per un soldato tedesco, che in almeno due occasioni decise di risparmiarlo, fingendo di non vederlo.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
2010
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
7 p.
Collocazione
MG/T2

[...] Ho sempre avuto passione

Feralda Giovannetti

Una serie di piccoli racconti nei quali l'autrice ripercorre alcune tappe dell'infanzia e della giovinezza, dai ricordi delle storie del nonno alla nascita del fratellino, dalla serena vita di campagna ai tristi anni della guerra fino al primo lavoro come operaia all'inizio degli anni '50.
Estremi cronologici
1934 -1955
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
36 p.
Collocazione
MP/Adn2