Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 16

Arriva la banda!

Maria Elena Castello

Storia del tentativo di emigrazione di una famiglia sarda. Le molte delusioni e l'amaro ritorno.
Estremi cronologici
1984 -1985
Tempo della scrittura
1986
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 212
Collocazione
MP/91

Libbro di varii ricordi

Settimio Giovacchini

La cronaca, piena di buoni consigli e di avvertimenti per i figli, di un membro di un'antica dinastia di notai e cancellieri del Granducato di Toscana.
Estremi cronologici
1721 -1747
Tempo della scrittura
1721 -1747
Tipologia testuale
cronaca
Tipologia secondaria
Memoria
Libro di famiglia
ricordi
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 18
Collocazione
A/91

Ricordi di come ho trascorsa la mia vita

Giuseppe Tiezzi

L'autobiografia di un contadino nelle campagne aretine nella seconda metà dell'Ottocento. Diviene fattore ed è costretto a scontrarsi con l'ingratitudine del padrone finchè decide di mettersi in proprio e, dopo vari fallimenti, fa fortuna nella vendita del vino.
Estremi cronologici
1863 -1928
Tempo della scrittura
1928
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 3
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 19
Collocazione
MP/93

I testamenti di zia Ersilia

Gino Tirelli

Il nipote di una signora non più giovane, proprietaria di alcuni beni immobili di notevole valore, racconta come la zia sia stata circuita da un altro parente, sempre in difficoltà finanziarie. Con una scrittura privata, la donna lascia tutto a quest'ultimo, tra la sorpresa e la rabbia degli altri.
Estremi cronologici
1955 -1974
Tempo della scrittura
1975 -1976
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 166
Collocazione
MP/Adn

Giornale della famiglia Fenicia

Michele Fenicia , Salvatore Fenicia

Una nobile famiglia del meridione preunitario si racconta attraverso una serie di documenti di varie tipologie. Da contratti dotali a permute, cessioni e affitti allo scorrere del quotidiano annotato in un libro di famiglia passato di padre in figlio, e in cui nascite e lutti si alternano a scelte di carriera ecclesiastica e processi nobiliari, fino all'inventario di un enorme corredo.
Estremi cronologici
1832 -1950
Tempo della scrittura
1859 -1950
Tipologia testuale
Libro di famiglia
Tipologia secondaria
Memoria
Diario
cronaca
libro di conti
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 1
Allegati
Consistenza
pp. 233
Collocazione
A/99

Innominati

Itala Guerra

Attraverso i racconti della nonna e della madre, l'autrice, racconta la vita del nonno abbandonato in un'orfanatrofio da una ricca fanciulla ebrea che lo ricerca, lo aiuta e si fa aiutare a nascondere amici ebrei durante la guerra, senza mai farsi conoscere. Dopo la morte del nonno che l'autrice non ha mai conosciuto, saranno scoperte carte che fanno luce sulla vicenda. Lei è ormai adulta quando scopre di essere l'unica erede di un parente della ricca bisnonna.
Estremi cronologici
1974 -2000
Tempo della scrittura
2000
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Libro di famiglia
racconti
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 95
Collocazione
MP/ADN2

Alfabeto di famiglia

Raffaella Caroselli

Ricordi di tutta una vita, partendo dall'infanzia, accanto ad una madre rigorosa ed egocentrica, a un padre disponibile e buono e a un fratello vivace e amato. Ora insegna ed è molto affezionata ai figli del fratello per i quali ha scritto questi ricordi.
Estremi cronologici
1945 -1990
Tempo della scrittura
1999 -2000
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 54
Collocazione
MP/03

Breve come lo spazio di un mattino

Anna Caredio

Aperta da un lungo quadro genealogico, in cui si racconta di una famiglia che emigra e poi torna dall'Uruguay, l'autobiografia di una pensionata lucchese racconta principalmente il mondo armonico della propria infanzia e adolescenza. Gli entusiasmi fascisti e poi il dramma della seconda guerra mondiale corrono paralleli al disgregarsi della famiglia, provata da lutti (due fratelli, entrambi militari, muoiono precocemente) e da problemi ereditari. L'incontro con la religione ebraica, il secondo matrimonio, e il ritorno al paese natale, danno all'autrice la serenità a lungo inseguita. Quasi una saga romanzesca, scritta in terza persona.
Estremi cronologici
1927 -1997
Tempo della scrittura
1977 -2000
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 384
Collocazione
MP/03

[...] Matrimonio tra Sciuto Giuseppe e Tudisco Angela

famiglia Sciuto

Attraverso il carteggio di una famiglia catanese, una parte della quale si è trasferita a Firenze, il ritratto più intimo di ciascuno di loro. Dalle lettere emergono le difficoltà di trovarsi lontano dal paese natale; abitudini di vita diverse e il desiderio, da parte di entrambi i genitori, di vedere i propri figli "realizzati".
Estremi cronologici
1929 -1993
Tempo della scrittura
1929 -1993
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 300
Collocazione
E/Adn2

I fili del destino

Anna Di Montegnacco

Un lungo viaggio nella storia famigliare di una donna friulana, trasferitasi a Roma nel 1940: orfana di padre, smette di studiare per iniziare a lavorare, senza però interrompere gli interessi per la lettura, l'arte, la politica. Sposatasi con un architetto dopo anni di convivenza, stringe rapporti di amicizia con liberi professionisti, artisti e scrittori. Il trasferimento a Ravenna poi a Livorno, la perdita di famigliari e amici, e le delusioni dell'impegno politico, non hanno spento in lei l'amore per la vita.
Estremi cronologici
1935 -2000
Tempo della scrittura
1996 -2006
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 153
Collocazione
MP/07