Hai selezionato la Parola chiave
Risultati ricerca: 9

[...] Molte volte, quando attraverso piazza Hortis

Giuseppe Veluscek

Un ragioniere appassionato di letteratura, laico e di idee liberali, redige un diario, che é memoria del proprio passato e acuta analisi della realtà socio-politica del nostro paese: dal secondo dopoguerra alla definitiva annessione di tutta la città di Trieste all'Italia, dalle contestazioni giovanili agli atti terroristici, dai rapporti tra Stato e Chiesa alla nascita di nuovi partiti, sino ai più frivoli fatti di costume e cronaca rosa.
Estremi cronologici
1949 -1988
Tempo della scrittura
1949 -1988
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 2616
Collocazione
DP/Adn

Dalla Belle Epoque... verso il Duemila. Guerra e dopoguerra

Pietro Terziani

Un ingegnere edile lavora in Valle d'Aosta alla costruzione di una diga, quando scoppia il secondo conflitto mondiale: dall'entrata in guerra dell'Italia, sino al referendum del '46, riuscirà a terminare il suo progetto, non senza difficoltà.
Estremi cronologici
1938 -1973
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1990-1999
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 320
Collocazione
MP/Adn

Il prezzo della libertà

Leandro Scamuzzi

Un partigiano ricorda i momenti più importanti della sua ventennale attività di antifascista sotto il regime: dagli inizi a Torino, città operaia, come segretario amministrativo della Democrazia Sociale alla raccolta di aiuti per i compagni espatriati; dalla redazione del settimanale "Tempi Nuovi", al trionfo della lotta partigiana in Piemonte.
Estremi cronologici
1920 -1945
Tempo della scrittura
1965 -1967
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 219
Collocazione
MP/Adn

Un uomo alla ricerca di se stesso

Edmondo Resca

Un calciatore cerca un lavoro che gli permetta di mantenere la famiglia: parte volontario per l'Etiopia, dove é impiegato in una scuola. Rientrato in Italia, è richiamato sotto le armi e vive l'esperienza della deportazione, prima di trovare una nuova occupazione in un macello.
Estremi cronologici
1918 -1994
Tempo della scrittura
1989 -1994
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 193
Collocazione
MP/Adn

Perché scelsi di fare il partigiano

Adorno Mastacchi

Fronte jugoslavo: dopo la firma dell'armistizio, un militare decide di aderire al movimento partigiano e di darsi alla macchia. Consapevole che questo vuol dire affrontare "fame, freddo, lotta e morte", il giovane accetta di lottare per la libertà del suo paese.
Estremi cronologici
1942 -1945
Tempo della scrittura
1994
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 29
Collocazione
MG/Adn

Spigolando nei ricordi

Marcella Galmozzi

Figlia di un'ebrea russa emigrata in Italia prima della rivoluzione, una donna rievoca la travagliata vita di famiglia nel periodo bellico, col forzato esilio della madre e la ritrovata unità famigliare, a guerra finita.
Estremi cronologici
1925 -1949
Tempo della scrittura
1989 -1991
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 180
Collocazione
MP/92

Feldpost 84345/F.

Bruno Guareschi

Chiamato alle armi dopo l'8 settembre del 1943, entra nella divisione Littorio e opera tra Ivrea e la Valle d'Aosta, fino alla liberazione: lettere alla famiglia, pagine di diario e ricordi di questa esperienza.
Estremi cronologici
1942 -1945
Tempo della scrittura
1944 -1945
Tipologia testuale
Epistolario
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 182
Collocazione
E/94

Il mio 8 settembre '43 ebbe inizio il 25 luglio '45

Orfeo Gagliardini

Da militare a partigiano: un pensionato rievoca la cattura di un famoso gerarca, in fuga a bordo di un'auto Aprilia, e la sua fucilazione, sentenziata dal Tribunale del popolo.
Estremi cronologici
1940 -1944
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 3
Collocazione
MG/T2

Per Ribelle Spicciariello alla mia partenza

Giuseppe Spicciariello

Un lavoratore pugliese inizia a scrivere in carcere una sorta di diario/testamento per figli e nipoti in cui annota gli eventi del Fascismo e della guerra, ma soprattutto scrive le proprie idee e considerazioni sulla politica e la società. L'autore ha partecipato alle lotte socialiste del Sud Italia e immagina una "società ideale" , il suo interesse è rivolto soprattutto alla condizione umana nel mondo.
Estremi cronologici
1938 -1954
Tempo della scrittura
1938 -1954
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Fotocopia originale: 1
Consistenza
42 p.
Collocazione
DP/14