Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 17

Valentina e i suoi - Autoritratto di un gruppo familiare

Bianconcini (famiglia) , Chini (famiglia)

Dalla seconda metà dell'Ottocento alla fine del '900, le gioie e i dolori, i successi e i fallimenti di due famiglie fiorentine, una di noti decoratori sostenitori del fascismo, l'altra di albergatori. Una saga avvincente rievocata, attraverso foto e documenti d'epoca, da una delle ultime discendenti.
Estremi cronologici
1850 -1992
Tempo della scrittura
1991 -1999
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Epistolario
Documenti fotografici
Libro di famiglia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
536 p.
Collocazione
E/Adn

Il viaggio della speranza

Annetta Rech

Una sarta racconta le vicissitudini di due mesi e mezzo trascorsi in Svizzera dove il marito deve sottoporsi a terapie per un glaucoma all'occhio. La donna con la sua fermezza riuscirà a superare ogni scoglio di questo soggiorno in una terra che inizialmente le era apparsa ostile.
Estremi cronologici
1991
Tempo della scrittura
1991
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 139
Collocazione
DP/93

Hotel...che passione (vita avventurosa di un maitre)

Bruno Pegoraro

Spostamenti continui da una parte all'altra dell'Italia, un matrimonio contro la volontà della famiglia e fallito, la perdita dell'unica figlia: questi i ricordi di un maitre che, soddisfatto della sua carriera e appagato dal suo lavoro, in tarda età, rimpiange la mancanza di una fissa dimora.
Estremi cronologici
1919 -1986
Tempo della scrittura
1986
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 213
Collocazione
MP/89

Gridai a un taxi

Rossana Tonini Bossi

Una vita trascorsa seguendo il marito nei suoi spostamenti professionali e sacrificando la propria professione, di procuratrice legale, ma osservando il mondo intorno a sè, con la sensibilità di una musicologa.
Estremi cronologici
1955 -1966
Tempo della scrittura
1966 -1969
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 93
Collocazione
MP/94

Un monolocale per un polmone

Giacomo Forgione

Vittima di un errore diagnostico che determina l'inutile asportazione di un polmone, risarcito con 70 milioni nel 1995, quattordici anni dopo essere stato dichiarato invalido, l'autore racconta tutta la sua vita a cominciare dalla scuola elementare.
Estremi cronologici
1945 -1995
Tempo della scrittura
1996
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 91
Collocazione
MP/97

Ricordi della campagna razziale (1938-1944)

Mario Tagliacozzo

L'autore ha trentasei anni quando nel 1938 escono le prime leggi razziali contro gli ebrei. Durante la guerra, con la famiglia, è sfollato prima nelle Marche, poi a Magliano Sabina. Infine, tornati a Roma, si salvano anche grazie all'aiuto della Chiesa.
Estremi cronologici
1937 -1944
Tempo della scrittura
1943 -1944
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 4
Consistenza
pp. 419
Collocazione
DG/97

Prima e dopo l'"Andrea Doria". Una vita sul mare

Pietro Chierichetti

Nasce a Lugano e in gioventù lavora nei saloni di famosi alberghi europei, poi si imbarca in navi straniere e italiane in viaggio su tutti i mari. Durante la guerra trasporta truppe in Libia e nelle isole dell'Egeo. Dopo, negli anni Cinquanta, diventa maitre sui più famosi transatlantici italiani, compreso l'Andrea Doria.
Estremi cronologici
1906 -1980
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1980-1989
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 87
Collocazione
MP/98

Diario di un rifugiato in Svizzera 1943-1945

Gualtiero Morpurgo

Un ingegnere di origine ebraica è costretto dalle persecuzioni razziali a espatriare in Svizzera. Durante i due anni di esilio lavorerà nei campi e al taglio dei bosco. Il suo spirito sensibile si placherà solo dopo che gli verrà concesso di organizzare concerti di musica da camera, essendo lui violinista. E l'amatissima madre, rimasta in Italia, non ci sarà più ad attenderlo al ritorno, poiché è morta ad Auschwitz.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 322
Collocazione
DG/99

[...] Carissima mamma,

Giulio Mortara

Diario in forma epistolare, che un dirigente bancario esule in Svizzera con la famiglia, scrive alla madre, rimasta a Roma: scorre così la vita attraverso i vari campi di internamento, con le difficoltà che nascono nell'affrontare disagi, privazioni e le preoccupazioni per l'attività lavorativa abbandonata. Dopo sedici mesi, quando le frontiere per l'Italia vengono riaperte, la famiglia intraprende il viaggio di ritorno, felice di aver superato le devastazioni della guerra.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 164
Collocazione
DG/01

Figlio del vento

Rolf Casali

Un venditore ambulante racconta la propria autobiografia da quando, a due anni, fu strappato alla madre per essere cresciuto in un collegio di religiose in Svizzera, alla continua ricerca delle proprie origini gitane. Il desiderio di crearsi una famiglia vera e di recuperare gli affetti perduti, lo inducono a matrimoni infelici. Solo la vita in un rustico di campagna gli consente di riappropiarsi di quella libertà che un'adolescenza di adozioni fallite e di diritti negati, gli aveva tolto.
Estremi cronologici
Inzio: 1949
Fine presunta: 1990-1999
Tempo della scrittura
1992 -1998
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 63
Collocazione
MP/02