Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 14

[..] Oggi la zuppa

Romano Brussato

Un operaio di Portomarghera, deportato in Germania dopo l'8 settembre 1943 e deceduto a Bergen Belsen il 7 novembre 1944, ha lasciato in un diario e in un epistolario le ultime tracce della sua esistenza di prigioniero.
Estremi cronologici
1943 -1944
Tempo della scrittura
1943 -1944
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 49
Collocazione
DG/95

1936-1945 vita di una donna ebrea in Italia

Dora Klein

Una giovane ebrea polacca diventa dottoressa in chirurgia all'università di Bologna; nel 1936, a Fiume, zona franca e di vivace mondanità, si innamora di un ufficiale di marina. Comincia così una storia d'amore molto tormentata. Ha da lui una figlia, malgrado il divieto razzista al loro matrimonio. Poi, diventata apolide, viene deportata ad Auschwitz e Bergen Belsen, dove la sua laurea in medicina la salva dalle camere a gas.
Estremi cronologici
1936 -1945
Tempo della scrittura
1983 -1989
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 4
Consistenza
pp. 345
Collocazione
MG/98

[...] Alle ore 20 ci viene comunicato

Mario Zipoli

Un capitano di artiglieria, caduto prigioniero dopo l'8 settembre, è internato in vari campi di prigionia nazisti della Polonia e della Germania. Annotazioni scarne, rubate ai divieti degli aguzzini, con un anno di sospensione nel periodo più critico. Anche un ricettario culinario e molte lettere scritte a casa.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
libro di ricette
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp.77
Collocazione
DG/99

GG 693 in servizio all'estero

Fulvio Gallo

Attraverso pagine di diario, disegni e riflessioni, un giovane architetto, catturato dai Tedeschi dopo l'8 settembre, racconta la sua vita nei lager di Polonia e Germania: una lunga e desolante peregrinazione che gli "regala" l'abbraccio con il fratello Bruno, anch'egli deportato.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Memoria o Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 231
Collocazione
MG/00

Memorie di prigionia

Gaetano Tricomi

Diario di guerra di un tenente che, in degenza a Spalato, viene deportato con altri compagni in Germania: con la nostalgia della famiglia che diventa sempre più forte, trascorrono i mesi tra fame, sporco e deboli speranze per il rientro. Poi gli inglesi liberano il campo e l'incubo finisce.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 144
Collocazione
DG/01

Il pane di mia nonna Caterina

Luigi Fedeli

Un'ottuagenario dirigente d'azienda si ferma a riflettere sulla sua vita passata. Il percorso a ritroso lo conduce agli anni dell'infanzia nelle Marche. Durante la guerra, che lo vede ufficiale, subisce la cattura e la deportazione nei campi di concentramento di Wietzendorf e Sandbostel dove sono internati anche Guareschi, Tedeschi e Coppola. Poi, la liberazione e il ritorno a casa.
Estremi cronologici
1921 -1945
Tempo della scrittura
2001 -2002
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 93
Collocazione
MG/03

Verdura secca

Daniele Pivi

Diario di un ufficiale preso prigioniero in Grecia dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943 e deportato nei campi di concetramento della Polonia e della Germania. Nella condizione di Internato militare, racconta la mancanza di cibo, le violenze, gli stenti e le malattie, ma anche la nostalgia e la tenerezza per la famiglia lontana e la consapevolezza dell'orrore della guerra.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 71
Collocazione
DG/04

Nostalgia: la ballata di giorni lontani

Eraldo Olmeda

La memoria di un pensionato riminese ripercorre gli anni sereni della giovinezza: l'amore tuttora vivo per la natura; le giornate al mare; la passione per la letteratura, il cinema e il teatro. Uno sguardo malinconico verso un un passato che sembra sempre più impalpabile.
Estremi cronologici
1946 -1985
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 95
Collocazione
MP/Adn2

La scoperta dell'Europa

Massimo Acciai

Un giovane fiorentino, buddista e cultore dell'esperanto, compie viaggi in Europa con amici. Attraverso gli appunti scrive il resoconto, iniziando dalla gite scolastiche del Liceo. Annota riflessioni sui luoghi visitati, sul clima, sui cibi, sulle persone incontrate e anche su se stesso.
Estremi cronologici
1992 -2016
Tempo della scrittura
2010 -2016
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Fotografie
Consistenza
100 p.
Collocazione
MP/17

I.M.I. 23514 Stalag 307

Enzo Serrani

Un militare impegnato sul fronte jugoslavo viene fatto prigioniero dopo l'8 settembre del 1943 e internato nei campi di prigionia del Reich, dove resta fino alla fine della guerra. Tornato a casa, può finalmente sposare la sua amata, dopo che una licenza saltata pochi giorni prima dell'armistizio lo aveva costretto a rimandare il matrimonio.
Estremi cronologici
1939 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1995
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Allegati
Consistenza
79 p.
Collocazione
DG/T3