Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 12

Diario Grenoble Lemberg Wietzendorf

Attico Dadone

Dopo l'8 settembre, i militari italiani che occupavano la "zona armistiziale francese" vengono deportati in Germania. Uno degli ufficiali, descrivendo le loro pessime condizioni di vita, dichiara: "ieri mi sono visto in uno specchio: sono uno scheletro." Allega delle poesie scritte in prigionia.
Estremi cronologici
1943 -1944
Tempo della scrittura
1943 -1944
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
poesie
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 202
Collocazione
DG/Adn

Diario di guerra

Cecchini

Diario di guerra di un furiere, sopravvissuto al freddo inverno russo: "in questa neve non più bianca, ma rossa di sangue e nera di scoppi, resistiamo in attesa della morte".
Estremi cronologici
1942 -1943
Tempo della scrittura
1942 -1943
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 8
Collocazione
DG/T

Come feci l'eroe

Ugo Paolillo

Due fratelli si ritrovano prigionieri a Leopoli in Polonia, dopo essere andati in guerra come ufficiali, uno in Albania, l'altro in Jugoslavia e in Grecia.
Estremi cronologici
1940 -1945
Tempo della scrittura
1987 -1989
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 253
Collocazione
MG/91

Diario e appunti

Armando Librino

Un ufficiale, catturato dai tedeschi nel 1943, racconta il calvario della deportazione e la vita quotidiana nei campi di prigionia di Germania e Polonia.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 220
Collocazione
DG/92

Il testimone. Diario di un reduce dalla prigionia in Russia

Francesco Stefanile

Cominciando dalla battaglia nella "valle della morte", in Russia, le peripezie di un membro dell'Armir (Armata italiana in Russia) raccontano anche della prigionia in Siberia e in Uzbekistan, dove molti muoiono di fame e malattie. Tre anni di inferno prima di poter tornare a casa, democratici e pacifisti per sempre.
Estremi cronologici
1942 -1945
Tempo della scrittura
1960 -1980
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 185
Collocazione
MG/98

GG 693 in servizio all'estero

Fulvio Gallo

Attraverso pagine di diario, disegni e riflessioni, un giovane architetto, catturato dai Tedeschi dopo l'8 settembre, racconta la sua vita nei lager di Polonia e Germania: una lunga e desolante peregrinazione che gli "regala" l'abbraccio con il fratello Bruno, anch'egli deportato.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Memoria o Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 231
Collocazione
MG/00

Reminiscenze di un bambino, cresciuto senza vivere

Valente Tognarini

A sedici anni, con il "libretto di lavoro del fanciullo", a sedici anni inizia a lavorare e a odiare il fascismo e le ingiustizie. Appena ventenne è arruolato e spedito nell'inferno russo dove i nemici sono il freddo, la fame e i tedeschi. Torna in Italia con 40 kg in meno e i piedi congelati; può unirsi ai partigiani, difendere la sua Piombino e partecipare alla ricostruzione della città dopo la guerra.
Estremi cronologici
1930 -1950
Tempo della scrittura
2002
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 33
Collocazione
MG/03

Diario di guerra e prigionia

Rocco Settis

Diario tenuto da un soldato catturato dopo l'armistizio, e rinchiuso in un vari lager: descrive le sofferenze, la fame e le privazioni subite fino alla Liberazione, nell'aprile del 1945.
Estremi cronologici
1943 -1945
Tempo della scrittura
1943 -1945
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Formato Digitale: 1
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 19
Collocazione
DP/06

La vita è come il sole nasce e tramonta

Nicola Rossello

Un pensionato siciliano racconta la propria vita, dai ricordi di infanzia, fino alla fine della Seconda guerra mondiale, durante la quale combattè nei Balcani e sul fronte russo.
Estremi cronologici
1921 -1945
Tempo della scrittura
1991
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 1
Consistenza
37 p.
Collocazione
MP/T2

Diario Russo 1941-1943

Giorgio Salvadori Paleotti

Il viaggio verso il Fronte Orientale del Capitano Medico Salvadori Paleotti e delle sue ambulanza radiologiche è tranquillo e talvolta anche piacevole così come la sua permanenza nelle varie località della Crimea. I terribili combattimenti della battaglia di Stalingrado restano sullo sfondo e si fanno concreti solo nelle brevi descrizioni del lavoro negli ospedali da campo. Soltanto nella primavera del '43, quando anche quel che resta della Sanità inizia a ritirarsi, cominciano a tratteggiarsi le dimensioni e la gravità dell'immane disfatta.
Estremi cronologici
1941 -1943
Tempo della scrittura
1941 -1943
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
108 p.
Collocazione
DG/Adn2