Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 31

Il mondo di Giuseppina

Giuseppina Ceccarini

Una volta emigrata in Francia, ricorda gli anni dell'infanzia in Umbria, con le belle tradizioni contadine nel contesto mezzadrile e l'impegno tutto suo della scuola. Anche per lei la guerra sarà un doloroso spartiacque.
Estremi cronologici
1930 -1954
Tempo della scrittura
1980 -1982
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 927
Collocazione
MP/03

Breve come lo spazio di un mattino

Anna Caredio

Aperta da un lungo quadro genealogico, in cui si racconta di una famiglia che emigra e poi torna dall'Uruguay, l'autobiografia di una pensionata lucchese racconta principalmente il mondo armonico della propria infanzia e adolescenza. Gli entusiasmi fascisti e poi il dramma della seconda guerra mondiale corrono paralleli al disgregarsi della famiglia, provata da lutti (due fratelli, entrambi militari, muoiono precocemente) e da problemi ereditari. L'incontro con la religione ebraica, il secondo matrimonio, e il ritorno al paese natale, danno all'autrice la serenità a lungo inseguita. Quasi una saga romanzesca, scritta in terza persona.
Estremi cronologici
1927 -1997
Tempo della scrittura
1977 -2000
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 384
Collocazione
MP/03

Stagioni toscane

Bruno Gnerucci

La vita contadina nella Val di Chiana, nei ricordi di un suo abitante: il lavoro dei campi scandito dalle stagioni, i giochi semplici dei bambini e le feste tradizionali, occasione di divertimento e di incontro.
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 43
Collocazione
MP/Adn2

Memorie golose

Lorella Giulia Focardi

L'infanzia di una ragazza toscana è piena di sapori e cibi della tradizione regionale, che si identificano con gli affetti di allora. In una memoria che ricostruisce questo passato, legando ogni ricetta a una figura famigliare o a una situazione della memoria, si conoscono anche la dolorosa giovinezza e l'età adulta dell'autrice, che è afflitta da gravi problemi di bulimia, e lotta per la propria guarigione, nell'incontro con vari dietologi e terapisti, e anche nelle fughe da casa e da sé, che la portano a vivere per un breve periodo sotto i ponti di Firenze.
Estremi cronologici
1961 -2002
Tempo della scrittura
2001 -2003
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 8
Consistenza
pp. 60
Collocazione
MP/04

Teresa... una storia

Luciano Heller

Sullo sfondo dei grandi eventi storici, la storia di una famiglia ungherese emigrata a Trieste nella seconda metà dell'Ottocento: l'atmosfera di una città in pieno sviluppo e il coraggio di una donna, Teresa, di crescere da sola un figlio, Angelo Heller, dal cui matrimonio nascerà il padre dell'autore.
Estremi cronologici
1941 -1943
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
genealogia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 255
Collocazione
A/Adn2

'O vicolo do pidocchio

Patrizia Cimarra

Memorie d'infanzia di una funzionaria comunale: unica femmina di quattro figli, cresce tra le ristrettezze economiche ma circondata da tanto affetto. Tra i giochi di bambina, i piatti economici ma saporiti della mensa familiare e l'impatto con la scuola, vive il passaggio verso la modernità con l'arrivo dell'acqua potabile in casa.
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 54
Collocazione
MP/Adn2

Pulica

Eura Manfrinati

Nata e cresciuta in una famiglia numerosa, una casalinga ricorda l'infanzia trascorsa a Pulica, nel Mugello: l'arrivo dal Nord Italia, le difficoltà di abituarsi ad una vita priva di comodità, l'unità famigliare. Falliti i tentativi di rendere più abbondanti i raccolti, il trasferimento in un altro podere.
Estremi cronologici
1954 -2001
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 33
Collocazione
MP/Adn2

Italia 2001. Diario

Barb Sullivan

Un breve viaggio attraverso l'Italia, nel diario di una turista americana che annota -in italiano-, accanto alla fatica dei continui spostamenti, le caratteristiche, le abitudini e l'arte di piccole e grandi città. L'arrivo a Pieve è l'occasione per scoprire l'Archivio e vedere il suo diario più famoso, quello scritto sul lenzuolo a due piazze da Clelia Marchi.
Estremi cronologici
2001
Tempo della scrittura
2001
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 16
Collocazione
DV/Adn2

Distanza d'insicurezza

Irene Binaghi , Franco Salvetti

Due trentenni si conoscono, si separano e si raccontano: lei in Italia con il lavoro negli alberghi, lui negli Stati Uniti con un master sull'intelligenza artificiale, poi le loro riflessioni sulle abitudini, sulla politica e sui modi di intendere la vita. La comunicazione è affidata a internet e a brevi messaggi sul cellulare.
Estremi cronologici
2002 -2003
Tempo della scrittura
2002 -2003
Tipologia testuale
Epistolario
Tipologia secondaria
riflessioni
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 76
Collocazione
E/05

[...] Carissimi,

Cecilia De Stefani , Guglielmo Squarcialupi

Oltre vent'anni di corrispondenza intercorsa tra un ufficiale di sussistenza, sua moglie e i loro tre figli, e la famiglia di lei, residente nella provincia di Udine. I numerosi traslochi dall'Istria - ancora italiana - alle colonie libiche, da Firenze, a Venezia, e poi l'organizzazione della casa, l'educazione dei figli, le vicende belliche, le belle novità ma anche i lutti famigliari; nulla turba la solida intimità di un nucleo famigliare medio-borghese.
Estremi cronologici
1921 -1945
Tempo della scrittura
1921 -1945
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 949
Collocazione
E/05