Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 102

[..] Oggi la zuppa

Romano Brussato

Un operaio di Portomarghera, deportato in Germania dopo l'8 settembre 1943 e deceduto a Bergen Belsen il 7 novembre 1944, ha lasciato in un diario e in un epistolario le ultime tracce della sua esistenza di prigioniero.
Estremi cronologici
1943 -1944
Tempo della scrittura
1943 -1944
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Epistolario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 49
Collocazione
DG/95

[...] Tutto ha inizio

Luciano Banchelli

Il racconto di guerra di un giovane impiegato che dal fronte slavo viene fatto prigioniero e deportato in Germania. Le sofferenze causate dal lavoro forzato, la fame e i pidocchi quali unici compagni e, infine, la liberazione nella Germania distrutta e nell'Italia che non conosce l'orrore dei campi di sterminio. Il tutto corredato da foto, fogli ufficiali e documenti attinenti al racconto.
Estremi cronologici
1940 -1945
Tempo della scrittura
1995 -1997
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 179
Collocazione
MG/99

Nascere, vivere e lavorare in Sicilia...

Alfio Cicero

L'autore nasce in un paesino arroccato sui monti sopra Messina. Le esperienze di una vita filtrate dal senno di poi, raccontate a pensione raggiunta: in collegio dai salesiani, il militare, il matrimonio tardivo a 47 anni, la disoccupazione e i vari lavori. Autobiografia dedicata al figlio, morto diciottenne di leucemia.
Estremi cronologici
1936 -1995
Tempo della scrittura
1995 -1996
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 50
Collocazione
MP/99

Appunti di un P.O.W.

Aldo Bacci

Diario di una camicia nera caduto prigioniero e portato in vari campi di concentramento inglesi nel Nord Africa: costrizioni, privazioni e il precipitare degli eventi politici internazionali, non avviliscono l'uomo, ma lo spingono alla riflessione. Testimonianza di una fede politica che incita a vendicare l'onore ferito e al ricordo - nostalgico ma accettato con coraggio - dei genitori e delle sette figlie, tutti lontani.
Estremi cronologici
1943 -1946
Tempo della scrittura
1943 -1946
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Dattiloscritto: 3
Allegati
Consistenza
pp. 358
Collocazione
DG/99

Il Treno

Rino Esposito

Un viaggio in treno attraverso la campagna irpina come pretesto romanzesco per far rivivere un lontano mondo contadino. L'infanzia povera in una famiglia dominata dai rancori, il lavoro minorile, l'esigenza di un riscatto che conduce un ragazzo, desideroso di migliorarsi, ad approdare nella Napoli sconvolta dalla guerra e, successivamente, nella Milano del boom economico.
Estremi cronologici
1934 -1960
Tempo della scrittura
1960
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
romanzo
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Allegati
Consistenza
pp. 139
Collocazione
MP/99

Tredici mesi senza notizie

Michelina Michelini

Sola con tre bambini, una giovane donna affronta con coraggio il periodo dello sfollamento e del passaggio del fronte. Lontana dal marito dal quale non riceve più notizie, comincia a scrivere un diario per fare in modo che il suo uomo, al ritorno, conosca la storia della sua famiglia. Nel 1978 ricopia tutto tranne le espressioni d'amore per il marito lontano e distrugge l'originale: i figli non devono sapere.
Estremi cronologici
1943 -1944
Tempo della scrittura
1943 -1944
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 28
Collocazione
DG/99

Paolina era la madre di Giulia

Bruna Milia

Una commerciante in pensione ricorda gli anni difficili dell'infanzia, segnata da miseria e maltrattamenti. Una memoria incentrata sulla figura della madre, donna forte e combattiva e sulla vita matrimoniale, aperta dal precoce matrimonio con Aldo: nel 1944 inizia, con un servizio da caffè e uno da frutta, la delicata esperienza della vita di coppia.
Estremi cronologici
1928 -1991
Tempo della scrittura
1990 -1996
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Integrazione
Consistenza
pp. 114
Collocazione
MP/99

Madretierra

Gabriella Paolucci

Un'impiegata in viaggio a Cuba redige un diario, in cui appunta la sua giornata tipo, le persone che incontra e lo spettacolo di miseria e privazioni a cui assiste. Ogni momento del vivere civile è sotto controllo del partito: e la carismatica figura di Fidel Castro acquieta ogni tentativo di cambiamento.
Estremi cronologici
1995 -1996
Tempo della scrittura
1995 -1997
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
intervista
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 97
Collocazione
DV/99

[...] 1944 Alberto Trionfi

Alberto Trionfi

Una sequenza di brevi annotazioni quotidiane fatte su piccoli taccuini da un generale detenuto in un campo di concentramento polacco. Il freddo, la fame, l'angoscia causata dalla mancanza di notizie scandiscono un tempo immobile, reso più sopportabile dalla preghiera e dal conforto della fede.
Estremi cronologici
1944 -1945
Tempo della scrittura
1944 -1945
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 3
Consistenza
pp. 47
Collocazione
DG/99

Un luogo, un tempo

Bruno Travaglini

Storia di una famiglia emigrata a Niccioleta, un paese costruito durante il fascismo per ospitare i minatori che estraevano la pirite nelle colline metallifere. La vita di comunità, vista da un bambino, è turbata dalla guerra. Il 14 giugno 1944, la strage: i tedeschi fucilano ottantatre persone sospettate di antifascismo; fra queste, vi era anche il padre dell'autore.
Estremi cronologici
1935 -1944
Tempo della scrittura
1994
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 142
Collocazione
MP/99