Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 35

Il capitano norvegese

Giuliano Asti

Storia di viaggi compiuti da un giovane in cerca di avventure: i soggiorni in Norvegia e in Islanda, facendo il marinaio e il contadino, lo condurranno ad una nuova consapevolezza di sè a all'incontro con Dio.
Estremi cronologici
1963 -1965
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1980-1989
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 4
Consistenza
pp. 256
Collocazione
MP/88

Dallo "Scoglio" alla "Roccia dell'aquila"

Giuseppe De Gregori

Gli anni di navigazione di un toscano innamorato del mare: da semplice mozzo a capitano, da nostromo a motorista, fino alla decisione di "tornare a terra" dopo l'improvvisa scomparsa del fratello, morto in un naufragio.
Estremi cronologici
1910 -1980
Tempo della scrittura
1980
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 234
Collocazione
MP/89

La mia vita con gli animali

Cerro Cerri Gambarelli

Una vita segnata dalla presenza degli animali: dai cavalli dell'esercito - l'Autore è un militare figlio di militari - al cane che l'ha accompagnato durante la guerra in Slovenia e a quello che è stato l'insostituibile compagno d'infanzia della figlia.
Estremi cronologici
1932 -1988
Tempo della scrittura
1988
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Originale autografo: 1
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 175
Collocazione
MP/90

L'eterno che passa

Antonio Dessì

Dopo una delusione d'amore - una ragazza lo rifiuta perchè non è un buon partito - un giovane pescatore sardo si rifugia su un'isola deserta, dove si nutre succhiando il latte di una capra e bevendo la rugiada delle foglie: farà ritorno nel mondo civile con la consapevolezza che non ci sono "nè ricchi nè poveri, ma solo cose e esseri che conducono la loro esistenza alla pari", essendo tutti "figli di madre natura".
Estremi cronologici
1949
Tempo della scrittura
1990
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
racconto
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 136
Collocazione
MP/Adn

Vacanze a Sperlonga

Vittorio D'Arcangelo

"La sagra del pesce azzurro": tutte le fasi che hanno portato alla realizzazione della prima edizione di questa festa paesana, nel racconto del suo promotore.
Estremi cronologici
1971 -1972
Tempo della scrittura
1992
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
pp. 10
Collocazione
MP/T

Hic sunt leones

Pietro Arturo Auguadra

Trent'anni di vita africana di un medico veterinario: i contatti con la fauna e le popolazioni locali, la passione per l'ecologia.
Estremi cronologici
1952 -1981
Tempo della scrittura
1988 -1990
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
saggio
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 179
Collocazione
MP/91

Lettere da Mogadiscio

Piero Gaio

Un breve soggiorno di lavoro come consulente in farmacologia a Mogadiscio è l'occasione per la scrittura di questo breve epistolario che narra alla famiglia l'esperienza vissuta.
Estremi cronologici
1984
Tempo della scrittura
1984
Tipologia testuale
Epistolario
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 3
Consistenza
pp. 24
Collocazione
E/93

Un paese, una famiglia, una mamma

Alfredo Pincione

In un paesino di mare, dove la pesca è la sola alternativa alla miseria, durante il Ventennio fascista, una famiglia, grazie alle risorse umane dalla madre dell'autore imprenditrice, riesce a ribellarsi alla povertà e all'ignoranza.
Estremi cronologici
1918 -1939
Tempo della scrittura
1985
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 3
Consistenza
pp. 95
Collocazione
MP/87

Poco dopo l'alba

Carlo Nava

Un marinaio e i suoi compagni si accorgono che una mina inesplosa si é incastrata tra le reti: paura e tensione nel disincagliarla e rigettarla in mare.
Estremi cronologici
1945
Tempo della scrittura
1946
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 2
Collocazione
MP/T

[...] Anche nonna Giuseppina mi raccontava

Silmer Veronesi

Il mondo contadino padano ricordato da un uomo, che da ragazzo ha vissuto l'esperienza del bracconaggio e assistito alla bonifica delle terre ferraresi. Come sindaco non si é dimenticato delle sue origini, della polenta mangiata con gusto e del nonno, ultimo grande cacciatore di frodo.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1900-1952
Fine: 1952
Tempo della scrittura
Inizio presunto: 1980-1989
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
biografia
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 61
Collocazione
MP/Adn