Hai selezionato il Soggetto
Risultati ricerca: 14

Le memorie di una povera idiota

Rosa Bartolini

L'autrice nasce nel 1934 e vive l'infanzia in un ambiente familiare complesso. Con la morte del padre nel 1940, la situazione viene aggravata dalla decisione della madre di sposarsi di nuovo. Il patrigno si rivela brusco con lei, tanto da finire nelle cronache locali: uno scandalo che coinvolge Rosa, incompresa dai parenti e vittima del moralismo dell'epoca, tanto da venire affidata prima al fratellastro e poi a un Istituto fino al termine della scuola quando, costretta a mantenere la famiglia, lavora a Roma e Città di Castello (PG) come collaboratrice domestica e bracciante. Nel 1959 il matrimonio e il trasferimento a Nizza: qui è costretta a lavorare duram...
Estremi cronologici
1930 -2007
Tempo della scrittura
1969 -2007
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 5
Formato Digitale: 1
Originale autografo: 1
Consistenza
pp. 95
Collocazione
MP/11

La chiave segreta

Katia Sassoni

L'autrice si trova al centro di un'interminabile vicenda giudiziaria scaturita da una ipotesi di reato nel luogo di lavoro che si rivelerà poi insussistente. Racconta l'iter giudiziario cominciato mentre si trova a Cuba e che si protrae per molti anni, che le causa disagi interiori e solitudine. Il cambiamento di lavoro, un nuovo amore, un figlio, la passione per la scrittura e la laurea al DAMS segnano positivamente la sua vita.
Estremi cronologici
1992 -2008
Tempo della scrittura
1994 -2009
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 94
Collocazione
MP/12

Dacci oggi la nostra paranoia quotidiana

Paola Valli

Un'impiegata romagnola durante la psicoterapia inizia a scrivere un diario-memoria sulla sua vita, per cercare di individuare la cause del suo disagio esistenziale. Figlia unica di operai, si diploma e frequenta con profitto l’università ottenendo sempre l’assegno di studio e svolgendo poi i lavori più modesti pur di difendere la propria autonomia e indipendenza. Gli anni universitari rappresentano la sua emancipazione e a Bologna trascorre il periodo più sereno, raggiungendo risultati brillanti negli studi, vivendo liberamente lontano dalla famiglia e intessendo nuove relazioni. La laurea, conseguita con il massimo dei voti, le permette di accedere a buone...
Estremi cronologici
1970 -2008
Tempo della scrittura
1997 -2010
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 419
Collocazione
MP/12

E tutti baciarono la sposa

Irma Ferranti

Scritto in terza persona il racconto parte dal 1945: Irma è operaia in una tipografia e mantiene la sua numerosa e povera famiglia. Dopo esperienze sentimentali negative si innamora di un giovane ma la relazione non va avanti per il carattere irrisolto di lui. Viene licenziata e si trasferisce a Roma, dove lavora come domestica e cassiera in una pasticceria. Licenziata accetta l'incarico di governante a Londra, dove si ambienta con facilità conquistando la simpatia dei datori di lavoro, cambiandoli dopo il loro trasferimento in America. Dopo alcune vicissitudini sentimentali accetta la proposta di matrimonio del vecchio fidanzato, nonostante l'ostilità della...
Estremi cronologici
1945 -1957
Tempo della scrittura
1992
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 202
Collocazione
MP/13

Ma ti pagano? E allora

Giuseppina Paloni

Un'assistente bibliotecaria racconta attraverso pagine di diario otto anni di sofferenze nel luogo di lavoro a causa del mobbing subito. I continui trasferimenti e i sopraggiunti problemi di salute le causano molte sofferenze e le fanno trascorrere gli ultimi anni prima del pensionamento con un senso di denigrazione nei confronti di un lavoro svolto con sacrificio e passione.
Estremi cronologici
2000 -2008
Tempo della scrittura
2000 -2008
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 2
Originale autografo: 1
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 301
Collocazione
DP/13

Una strana vita di lavoro, con un bell'inizio e uno strabiliante epilogo

Delia Rovarino

Una segretaria-traduttrice, giunta ormai all'età della pensione, racconta i suoi trentacinque anni di lavoro, dagli inizi presso gli uffici della Motomeccanica di Milano all'età di vent'anni, fino all'approdo presso il gruppo Mediobanca nel 1969. Durante il lavoro presso la grande banca milanese ebbe la possibilità di conoscere di persona alcuni tra i più importanti banchieri e affaristi italiani. Nella memoria particolare risalto è dato alla descrizione dei tanti colleghi e capi ufficio incontrati nel corso degli anni, con alcuni dei quali non mancarono incomprensioni e conflitti, spesso dovuti alla solidarietà che l'autrice nutriva verso le lotte del movim...
Estremi cronologici
1953 -1988
Tempo della scrittura
1994
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Consistenza
171 p.
Collocazione
MP/Adn

Briciole e diamanti

Ida Maddalena Masutti

Una giovane suora appartenente all'Ordine Francescano insegna nella scuola del convento dopo essersi laureata in storia e filosofia. Lascia l'ordine religioso per dissidi con una superiora. Abbandona il convento e inizia a lavorare nella scuola statale, continuando però ad approfondire i suoi studi di teologia.
Estremi cronologici
1962 -2013
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
36 p.
Collocazione
MP/15

I ritorni

Libero Corigliano

Un settantenne, insegnante in pensione, scrive la storia della sua vita, dall'infanzia trascorsa in Calabria al trasferimento in Toscana, dove tutt'ora vive.
Estremi cronologici
1944 -2015
Tempo della scrittura
2013 -2015
Tipologia testuale
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Allegati
Consistenza
103 p.
Collocazione
MP/16

Diario di un ufficio poco serio

Chiara Dall'Ara

Una giovane impiegata appunta in un diario la difficile situazione che vive sul posto di lavoro, caratterizzato da tensioni e rapporti complicati tra colleghi.
Estremi cronologici
2017 -2017
Tempo della scrittura
2017
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 2
Consistenza
43 P.
Collocazione
DP/T3

Una terra non governata da Dio

Addy Abdul Wahab

Un giovane iracheno, figlio di una sciita e di un sunnita decide di lasciare il suo Paese di origine in conseguenza della guerra civile scoppiata nel 2006. Arriva in Italia attraverso i Balcani e dopo diverse difficoltà trova lavoro come custode di un palazzetto dello sport. Subisce mobbing ed è vittima di alcuni episodi di razzismo, ma riesce a superare i diversi ostacoli anche grazie a una rete di amicizia e solidarietà. Nel 2015 gli viene dedicato un libro dove racconta la sua esperienza e nel 2018 ottiene la cittadinanza italiana.
Estremi cronologici
Inizio presunto: 1980-1989
Fine: 2018
Tempo della scrittura
2018
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Formato Digitale: 1
Consistenza
48 p.
Collocazione
MP/Adn2