Hai selezionato il Luogo del racconto
Risultati ricerca: 30

[...] Una parte della mia vita in Africa

Gino Bernardini

Diario senza date, spesso memoria, ma raccontata a caldo, pochi giorni dopo l'evento narrato: "ho scritto sulle ginocchia e in tempo di guerra". Così, un boscaiolo racconta la sua vicenda coloniale in Eritrea, nel 1935, dal doloroso viaggio, all'arrivo a Massaua, con la faticosa marcia fino ad Asmara e al confine etiopico, quasi senza descrivere la guerra.
Estremi cronologici
1935 -1936
Tempo della scrittura
1935 -1936
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 87
Collocazione
DG/99

[...] Sono nato il 16 gennaio 1907

Raffaele D'Adamo

Una memoria scritta per riparare al furto del diario di allora. Un bracciante del casertano, per sottrarsi alla miseria, nel 1939, parte per l'Etiopia, dove fa il camionista. Lo sorprende la guerra e la popolazione italiana viene deportata dagli inglesi. Sconterà tre anni di prigionia in Kenya e sarà costretto a lavorare nelle fattorie inglesi prima di far ritorno in Italia.
Estremi cronologici
1907 -1946
Tempo della scrittura
1988
Tipologia testuale
Memoria
Tipologia secondaria
Autobiografia
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 88
Collocazione
MP/99

Tempo di guerra

Luigi Marchese

Arruolato nel corpo dei paracadutisti è fatto prigioniero dagli Inglesi in Libia nel '41; poi evade dal campo in Egitto e riesce a raggiungere Tripoli e tornare in Italia. Ma nel '43 sarà rimandato sul fronte libico passando per la Jugoslavia e la Grecia. Nuovamente prigioniero dovrà aspettare il giugno del '46 per ritornare a casa e riabbracciare la famiglia.
Estremi cronologici
1939 -1946
Tempo della scrittura
1995 -1997
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 277
Collocazione
MG/00

Autobiografia, cominciando dal 1947

Paolo Fazzino

Residente in Australia dal 1951, un pensionato è soddisfatto del lavoro sicuro che ha trovato e della sua agiatezza economica. Non ha però dimenticato l'amore per l'Italia e il dolore per la perdita della moglie.
Estremi cronologici
1947 -2001
Tempo della scrittura
2001
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 6
Collocazione
MP/T2

Descrizione dun viaggio da Milano a Sganghai China

Giuseppina Croci

Sul finire dell'Ottocento, una giovane donna compie un viaggio per mare da Genova a Shanghai a bordo di un bastimento a vela tedesco. Tiene il diario dei trentasette giorni di navigazione: descrive i porti in cui si ferma, le città che visita e rimane sorpresa dal differente senso del pudore prima degli arabi, poi degli indiani, quindi dei cinesi. Arrivata dal proprietario della filanda dove lavorerà, si sente finalmente al sicuro.
Estremi cronologici
1890
Tempo della scrittura
1890
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 6
Fotocopia originale: 2
Consistenza
pp. 15
Collocazione
DV/03

Note sulla campagna compiuta dalla R. Nave "Puglia". Negli anni 1907-1908-1909-1910

Sebastiano Mele

Il diario di bordo di una crociera militare intorno al mondo: per più di due anni la nave "Puglia" porta la bandiera italiana nei porti delle Americhe, dell'Asia e dell'Africa, sempre accolta dai connazionali residenti nei vari luoghi e dalle autorità locali che organizzano feste, parate, spettacoli e ricevimenti. In ogni porto i marinai scendono a terra e prendono contatto con le persone del luogo - soprattutto le ragazze. Quando la nave incontra imbarcazioni di altre nazioni si sviluppano relazioni di cordialità che testimoniano di un clima pacifico nelle relazioni internazionali.
Estremi cronologici
1907 -1910
Tempo della scrittura
1907 -1910
Tipologia testuale
Diario
Tipologia secondaria
diario di bordo
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 9
Fotocopia originale: 1
Consistenza
pp. 70
Collocazione
DV/03

Ritorno senza medaglie

Bruno Cirillo

Un giovane sottotenente calabrese parte nel 1935 per la conquista dell'Africa Orientale. Dopo un anno di marce forzate, agguati, spesso senza cibo né acqua, la guerra finisce. Lui sceglie di rimanere perchè sa che in Italia non c'è lavoro, ma all'inizio della seconda guerra mondiale è preso prigioniero dagli inglesi e portato in campi di lavoro in Mozambico. Solo dopo sei anni riuscirà a tornare a casa con una nave olandese.
Estremi cronologici
1935 -1945
Tempo della scrittura
1971 -1975
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 116
Collocazione
MG/04

Memorie di un antifascista

Milvio Ciani

Giovane antifascista iscritto al Partito comunista, specializzato in impianti elettrici e telefonici, accetta di lavorare in Africa Orientale, pur di non rispondere alla chiamata al fronte. Rientrato a Roma come profugo nel 1945, riprende l'impegno politico e si impiega nella Società Terni sino al pensionamento.
Estremi cronologici
1915 -1955
Tipologia testuale
Memoria
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Consistenza
pp. 115
Collocazione
MP/Adn2

Povero onesto e gentiluomo

Antonio Sbirziola

Figlio di contadini siciliani, racconta un'infanzia povera ma dignitosa, accanto ai genitori e ai sette fratelli, segnata da sacrifici e fatiche per il duro lavoro dei campi. Per mancanza di prospettive decide di emigrare in cerca di un futuro migliore. Si trasferisce a Genova dove abita uno zio, poi in Australia, dove conosce altri emigranti e inizia a stringere le prime amicizie. Trova lavoro e si inserisce nella comunità italiana. Poi torna in Italia per un breve periodo: si reca in Germania e Svizzera, dove spera di trovare lavoro: alla fine sceglie l'Australia, dove si sposa, ha tre figli, il più piccolo dei quali muore in tenera età.
Estremi cronologici
1954 -1999
Tempo della scrittura
1999
Tipologia testuale
Autobiografia
Tipologia secondaria
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 1
Originale autografo: 1
Formato Digitale: 1
Consistenza
pp. 811
Collocazione
MP/Adn2

[...] Con questo giorno

Bruno Felloni

Bruno nasce a Ferrara nel 1914. Nel 1936 è un giovane impiegato presso un'agenzia Agip della sua città quando chiede di essere arruolato come volontario nella guerra di Etiopia per un anno. A casa lascia la madre, una sorella, un fratello ricoverato in un istituto e la fidanzata conosciuta da poco. Giunto a destinazione rimane deluso dalla mancanza di spirito patriottico dei commilitoni e dallo stato di stallo dell'esercito, rimpiangendo di essersi arruolato. Fa domanda di congedo, poi respinta, anche se pensa di rimanere in Africa per migliorare la sua condizione economica.
Estremi cronologici
1936 -1937
Tempo della scrittura
1936 -1937
Tipologia testuale
Diario
Natura del testo in sede
Dattiloscritto: 2
Fotocopia originale: 1
Formato Digitale: 1
Consistenza
30 p.
Collocazione
DG/14